laRegione
18.09.22 - 09:15
Aggiornamento: 15:29

Santésuisse: nuovo sistema tariffario contro i costi in aumento

Il nuovo presidente dell’associazione assicuratori malattia propone un maggior ricorso a tariffe forfettarie integrate da tariffe di servizio individuali

Ats, a cura di Red.Web
santesuisse-nuovo-sistema-tariffario-contro-i-costi-in-aumento
Ti-Press

Un nuovo sistema tariffario, con l’obiettivo di ridurre i costi sanitari: lo propone Martin Landolt, nuovo presidente di Santésuisse, una delle due principali associazioni di assicuratori malattia. "Probabilmente ancora quest’anno creeremo una nuova organizzazione nazionale per le tariffe, coinvolgendo tutti i partner", afferma il consigliere nazionale (Centro) in un’intervista pubblicata oggi dal SonntagsBlick. "Siamo convinti che i costi possano essere ridotti facendo maggiormente ricorso a tariffe forfettarie, integrate da tariffe di servizio individuali", aggiunge. Con questo approccio gli oneri saliranno meno ad esempio nel settore ospedaliero. "Sono molto fiducioso al riguardo".

Secondo Landolt vi è una crescita dei costi che è legittima, ad esempio nelle cure, che stanno diventando sempre più importanti con lo sviluppo della società. "Tuttavia le opportunità di frenare la progressione rimangono inutilizzate perché il parlamento, i Cantoni e il Consiglio federale fanno troppo poco". A suo avviso i problemi sono a tutti i livelli. "Se, ad esempio, un farmaco generico costa il doppio in Svizzera rispetto all’estero, ciò non può essere giustificato né dalle differenze di potere d’acquisto né dal buonsenso. Qualcuno deve correggere questa situazione. Un altro esempio è la densità di medici, che a Ginevra è cinque volte superiore a quella del cantone di Obvaldo. Sono convinto che se domani qualcuno a Ginevra volesse aprire uno studio medico otterrebbe comunque un’autorizzazione".

Secondo l’ex presidente del Partito borghese democratico (2012-2021) oggi il sistema sanitario sarebbe impostato in modo diverso. "Ma questo è il modo in cui è cresciuto storicamente in uno Stato federale", aggiunge. Bisogna però intervenire: "Preferirei che i Cantoni si assumessero maggiori responsabilità di loro iniziativa". Per esempio nel campo delle autorizzazioni degli studi medici e degli ospedali.

Sempre stando al presidente di Santésuisse (in carica da giugno) "la presunta potente lobby delle casse malattia non deve essere così potente, altrimenti avrebbe ottenuto molto di più e i premi sarebbero più bassi". "I lobbisti delle compagnie di assicurazione sanitaria non vengono misurati con lo stesso metro di giudizio di quelli dei medici, degli ospedali o dell’industria farmaceutica", si rammarica il 54enne. "Chi ha mandati nel settore delle assicurazioni sanitarie o della finanza viene criticato, mentre chi li ha nel turismo o in una casa di riposo viene considerato insospettabile". Anche l’idea di limitare gli stipendi dei manager delle casse, fortemente aumentati negli ultimi anni, viene considerata da Landolt "un’espressione di impotenza che ha lo scopo di distrarre dalle vere sfide".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
15 ore
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
15 ore
‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’
Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
15 ore
In dogana con un ghepardo imbalsamato
Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
15 ore
Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali
A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
16 ore
Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà
È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
Svizzera
17 ore
Operaio travolto dal treno nella notte a Rickenbach
Nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo, un 34enne serbo, è deceduto sul posto. Ancora da chiarire le cause esatte dell’incidente
Svizzera
18 ore
Cure ambulatoriali e ospedaliere finanziate su base unitaria
Il Consiglio degli Stati approva la riforma di legge sull’assicurazione malattie. Sulla quale ora dovrà esprimersi il Nazionale
Svizzera
19 ore
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
19 ore
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
© Regiopress, All rights reserved