laRegione
14.09.22 - 09:47
Aggiornamento: 17:25

Dopo 142 anni l’elenco telefonico cartaceo va in pensione

Rispetto al 2020 sono 3 milioni in meno i numeri di rete fissa. Sarà comunque possibile scaricare l’elenco dei singoli comuni in formato Pdf da stampare

Ats, a cura di Red.Web
dopo-142-anni-l-elenco-telefonico-cartaceo-va-in-pensione
Keystone

Alla fine del 2022, dopo 142 anni, l’elenco telefonico cartaceo andrà in pensione. Sempre meno persone in Svizzera hanno il proprio numero di telefono fisso. Di conseguenza, nel corso degli anni le dimensioni, l’utilizzo e la rilevanza delle cosiddette "Pagine bianche" hanno subito un costante calo. Per questo motivo a partire dal 2023 i numeri privati saranno pubblicati solo online.

Il 6 novembre 1880 venne stampato a Zurigo il primo elenco telefonico pubblico della Svizzera. Conteneva solo 98 voci senza numeri di telefono e a quell’epoca le telefonate erano possibili solo durante il giorno, indica una nota odierna di localsearch (Swisscom Directories Sa). Negli anni successivi, i numeri di telefono pubblicati iniziarono ad aumentare vertiginosamente in concomitanza con il numero di collegamenti. Nel 1959 l’annuario includeva già un milione di numeri di telefono. Le cosiddette "Pagine bianche" raggiunsero poi il loro apice negli anni Novanta, con circa 4,2 milioni di voci. Dopo l’abolizione nel 1997 dell’obbligo di pubblicazione dei numeri telefonici, iniziò l’inversione di tendenza e i numeri della rete fissa iniziarono costantemente a ridursi. Da allora, anche la gestione dei dati privati è notevolmente cambiata. Con l’avvento dell’era digitale e l’aumento delle chiamate pubblicitarie indesiderate, sempre meno persone vogliono che il proprio numero di telefono sia inserito in un elenco pubblico. Vogliono decidere chi deve essere a conoscenza del loro numero di telefono, sottolinea localsearch.

3 milioni in meno rispetto al 2000

Questa tendenza viene ulteriormente accentuata dal considerevole calo dei numeri di telefono di rete fissa tra i privati, che sono circa 3 milioni in meno rispetto al 2000. Buona parte della popolazione sceglie sempre più spesso solo un collegamento mobile e questo si ripercuote direttamente sulle dimensioni dell’elenco telefonico. Infatti, se i numeri di rete fissa vengono inseriti automaticamente nell’elenco e occorre fare richiesta se non si vuole che siano pubblicati, per i numeri di cellulare la situazione è diversa: è il titolare a doverne richiedere esplicitamente la registrazione. E, stando a localsearch, non lo fa nessuno.

Le persone che non hanno accesso internet o che hanno difficoltà ad usarlo potranno comunque ricevere su richiesta i numeri di telefono attraverso canali alternativi. In questo modo i gruppi interessati possono scaricare gratuitamente in formato Pdf l’elenco telefonico di un determinato comune dove risiedono familiari, vicini o conoscenti e successivamente farlo stampare. Inoltre rimangono disponibili i servizi d’informazione esistenti, come il numero 1811. Chi desidera imparare a usare internet e a cercare numeri telefonici negli elenchi online può partecipare a un corso per principianti per smartphone e tablet della Swisscom Academy, precisa ancora la nota.

Una nuova veste per le ‘Pagine gialle’

Se da un lato l’interesse nei confronti delle "Pagine bianche" è fortemente calato, dall’altro le "Pagine gialle" vivono una situazione diversa. Le aziende e i fornitori di servizi continuano a pubblicare i loro numeri e indirizzi sulle pagine di settore per poter essere rintracciati dai consumatori. L’elenco delle categorie continua, pertanto, a ricoprire una notevole rilevanza per un grande gruppo di utenti. Dal 2023 localsearch (Swisscom Directories Sa) andrà incontro a questa esigenza con la Localcities Guide. Il nuovo prodotto sarà un elenco di aziende, Comuni e associazioni suddiviso per regione. Oltre a indirizzi aziendali e informazioni sulle associazioni, la pubblicazione raccoglie anche informazioni utili sui Comuni, un elenco dei numeri dell’amministrazione federale, un calendario delle vacanze scolastiche e altre informazioni utili.

TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
1 ora
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
1 ora
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved