laRegione
13.09.22 - 15:33

Pericolo recessione? Forse non per la Svizzera

Secondo Claude Maurer, capoeconomista del Credit Suisse, nel nostro Paese l’inflazione ha un impatto solo moderato sui consumi

Ats, a cura di Red.Web
pericolo-recessione-forse-non-per-la-svizzera
Keystone
‘La Bns deve comunque agire per mantenere la forza del franco’

La crescita dell’economia globale rallenta, ma la Svizzera dovrebbe riuscire a evitare una recessione. I consumi privati e un mercato del lavoro solido dovrebbero sostenere la congiuntura elvetica. Ne è convinto il capoeconomista di Credit Suisse, Claude Maurer, prevedendo che la Banca nazionale svizzera (Bns) continuerà ad aumentare i tassi di interesse.

Credit Suisse stima che il prodotto interno lordo (Pil) salirà del 2,5% quest’anno, sostenuto in particolare dai consumi privati (+4%) e dalle esportazioni (+4,5%). Nel 2023, la crescita dovrebbe però rallentare significativamente a +1%, così come quella della spesa delle famiglie (+1,4%) e delle vendite a livello internazionale (+3%).

L’inflazione dovrebbe toccare in media il 2,9% nel 2022 e rallentare all’1,5% l’anno successivo. I prezzi degli idrocarburi hanno raggiunto il culmine, ha affermato Maurer in conferenza stampa oggi a Zurigo, prevedendo che quelli della benzina e del gasolio da riscaldamento inizieranno a scendere.

Gli esperti di Credit Suisse hanno insistito sul fatto che l’inflazione ha un impatto moderato sui consumi in Svizzera: un aumento di un punto percentuale del tasso di inflazione riduce la spesa delle famiglie solo dello 0,11 - 0,13%.

In un contesto globale di inasprimento delle politiche monetarie, è probabile che la Bns prosegua con il rialzo dei tassi avviato a metà giugno, ma in modo più moderato rispetto alla Banca centrale europea (Bce) e della Federal Reserve (Fed) statunitense.

Per l’economista di Credit Suisse Maxime Botteron, il rialzo dei tassi dovrebbe avere un impatto limitato sull’inflazione, causata dalla crisi energetica, dalle difficoltà delle catene di approvvigionamento globali e dalla carenza di manodopera in alcuni settori. Tutti fattori sui quali la Bns ha scarsa influenza.

La Bns deve comunque agire per mantenere la forza del franco: se si deprezzasse, le importazioni sarebbero più costose, ha ricordato Botteron. "Per questo motivo, la Bns non ha altra scelta che aumentare ulteriormente il tasso di riferimento". Un calo del 10% del tasso di cambio euro-franco riduce l’inflazione in Svizzera di mezzo punto percentuale.

La Confederazione beneficia anche del minor peso dell’energia nella spesa delle famiglie, della forte regolamentazione delle tariffe energetiche, della relativa stabilità degli affitti e di un livello dei prezzi generalmente più elevato, ciò che tende a limitare il loro l’aumento.

Secondo le proiezioni di Credit Suisse, il tasso di riferimento della Bns, attualmente pari a -0,25%, dovrebbe essere aumentato di 0,75 punti percentuali nella riunione del 22 settembre e di un ulteriore 0,25 a dicembre, in modo da raggiungere un picco dello 0,75% entro la fine dell’anno. "Dopodiché la Bns si fermerà, perché l’inflazione scenderà e l’economia rallenterà", ha aggiunto Maurer.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi
Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
7 ore
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
8 ore
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
9 ore
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
Svizzera
9 ore
Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera
Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
11 ore
Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto
L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
Svizzera
11 ore
Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023
Per il socialista friborghese un’elezione non brillante: 140 voti per lui. Succederà a Ignazio Cassis
Svizzera
12 ore
Buste paga più pesanti per i dipendenti della Roche
Il ritocco al salario (del 2,3%), che diventerà effettivo dal 1° aprile, interesserà 14’200 dipendenti
Svizzera
13 ore
Abbattuto il maschio dominante del branco del Beverin
La sua uccisione risale all’8 novembre. Dieci giorni dopo il resto del branco si è messo in movimento
Svizzera
13 ore
La strada del Maloja sarà resa più sicura
Previsto un nuovo sistema di informazione. Il sistema pilota informerà gli utenti sulle possibili chiusure
© Regiopress, All rights reserved