laRegione
12.09.22 - 17:49

Commissione del Nazionale dà luce verde all’F-35A

Il rapporto pubblicato venerdì ‘non contiene elementi che mettono in discussione la procedura di valutazione’. Firma dei contratti, strada in discesa.

Ats, a cura di Red.Svizzera
commissione-del-nazionale-da-luce-verde-all-f-35a
Keystone
Un po’ più di 6 miliardi per 36 jet della statunitense Lockheed Martin

Come previsto, la Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale (Cps-N) sostiene l’acquisto di 36 caccia F-35A statunitensi per un valore di 6,035 miliardi di franchi. La decisione è stata presa con 17 voti favorevoli e 8 contrari, alla luce del rapporto presentato venerdì dalla Commissione della gestione del Nazionale. La maggioranza ritiene che l’atteso documento non contenga elementi che mettano in discussione la procedura di valutazione degli aerei da combattimento, si legge in un comunicato. Il plenum ne discuterà giovedì.

Il Consiglio degli Stati aveva già approvato in giugno il messaggio 2022 sull’esercito, che comprende tra l’altro anche l’acquisto di cinque unità del sistema terra-aria Patriot (quasi 2 miliardi di franchi). Le eventuali divergenze tra le due Camere saranno affrontate nel corso della sessione che si è aperta lunedì. Un calendario serrato, che consente di rispettare la scadenza delle offerte (il 31 marzo 2023).

Il Consiglio federale prevede di firmare i contratti per l’acquisto degli aerei prima di allora. Il popolo svizzero non voterà sull’acquisto dell’F-35A prima di questa data, nonostante il successo dell’iniziativa popolare lanciata dalla sinistra e dal Gruppo per una Svizzera senza esercito. Il Consiglio federale ha smorzato le speranze degli iniziativisti, che denunciano "una vile manovra evasiva".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
15 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
16 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
19 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved