laRegione
costo della vita
11.09.22 - 20:38

Mister Prezzi: stangata energetica, i modi per limitare i danni

Aumento brutale, ma le autorità possono agire sulla tariffa per l’uso della rete e sulle tasse raccolte dalle comunità. Si può ridurre il prezzo del 10%’

Ats, a cura di Red.Svizzera
mister-prezzi-stangata-energetica-i-modi-per-limitare-i-danni
Mister Prezzi, Stefan Meierhans (Keystone)

Mister Prezzi suggerisce due modi per ridurre i prezzi dell’elettricità: le autorità possono agire sulla tariffa per l’uso della rete e sulle tasse raccolte dalle comunità. In questo modo si potrebbe ridurre il prezzo finale fino al 10%, secondo lui.

"Ho raccomandato al Consiglio federale di ridurre la tariffa per l’utilizzo della rete, con un risparmio di circa 350 milioni di franchi", ha spiegato il supervisore dei prezzi Stefan Meierhans a Le Matin Dimanche.

In un’intervista rilasciata a Keystone-Ats alla fine di agosto, Meierhans aveva già definito "estremamente elevati" i costi dell’utilizzo della rete per il trasporto dell’elettricità in Svizzera. A suo avviso il Consiglio federale può modificare le condizioni quadro per ridurre le tariffe.

A Le Matin Dimanche, l’alto funzionario ha anche indicato che "raccomanda regolarmente alle autorità politiche competenti di rinunciare alle tasse di concessione". Insieme, queste due soluzioni "potrebbero ridurre il prezzo finale fino al 10%", afferma.

È la politica che deve decidere

Mister Prezzi vede anche altre possibilità di azione. Secondo lui, sarebbe possibile per i cantoni o i comuni, che spesso sono i proprietari delle società elettriche, restituire parte dei dividendi che le società apporteranno o hanno apportato in passato. "Questa opzione dovrebbe essere presa in considerazione, ma alla fine la decisione spetta ai politici", afferma.

Spetta ai politici anche decidere se le grandi differenze tra i comuni sono sostenibili, secondo Meierhans. A suo parere , "è ovvio" che la situazione attuale "richiede un’analisi approfondita dell’architettura del mercato elettrico, sia in Svizzera che nell’intero continente".

Aumento "brutale"

"Ciò che colpisce" nella situazione attuale per quanto riguarda l’elettricità "è che l’aumento è brutale", sottolinea Meierhans, precisando che altrove in Europa il problema dell’inflazione è ancora più marcato che in Svizzera. "Questo è certamente legato al fatto che nel nostro Paese il mercato dell’elettricità non è ancora completamente liberalizzato", osserva.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all‘ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ’Smeraldo’
Svizzera
4 ore
Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla
Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
6 ore
Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini
L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
19 ore
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
20 ore
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
21 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
21 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
21 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
22 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
1 gior
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
© Regiopress, All rights reserved