laRegione
la scelta di lägern nord
11.09.22 - 19:19

Deposito scorie radioattive, i Verdi chiedono chiarimenti

Il partito vuole dettagli sulla sicurezza e anche delucidazioni sulla durata massima di vita per le vecchie centrali nucleari

Ats, a cura di Red.Svizzera
deposito-scorie-radioattive-i-verdi-chiedono-chiarimenti
Il luogo designato visto da un drone (Keystone)

È chiaro che la popolazione non accetterà alcun sito di stoccaggio di scorie nucleari sulla porta di casa finché non verrà garantita la sicurezza e non sarà noto il volume di stoccaggio necessario. Per questo, per i Verdi, è fuori discussione stoccare le scorie senza un’uscita vincolante dall’atomo, menzionando una durata massima di vita per le vecchie centrali nucleari.

Il partito, in un comunicato, sottolinea che devono essere garantiti il recupero delle scorie nucleari e l’interruzione della pianificazione nel sito di Lägern Nord, qualora nuove conoscenze mettano in discussione la sicurezza dello stoccaggio delle scorie ad alta attività.

Per i Verdi, la dipendenza della Nagra dai gestori degli impianti nucleari è ancora problematica. Ci sono anche dubbi sull’indipendenza dell’Ispettorato federale della sicurezza nucleare (Ifsn). I Verdi chiedono quindi un ulteriore monitoraggio da parte di esperti indipendenti di altri Paesi.

Gli ecologisti colgono pure l’occasione per ribadire che le centrali nucleari non garantiscono la sicurezza dell’approvvigionamento energetico e citano a sostegno "la minaccia di un disastro nucleare nella centrale di Zaporizhia a causa della guerra in Ucraina, la canicola in Svizzera che ha costretto a sospendere le attività delle centrali svizzere quest’estate e la chiusura di centrali francesi a causa delle pessime condizioni". Inoltre, tutto l’uranio proviene dall’estero e il 60% dalla Russia, il che rende la dipendenza ancora più critica rispetto al gas, afferma ancora un comunicato.

Greenpeace vede pochi progressi

Dal canto suo, l’organizzazione ambientalista Greenpeace prende atto della decisione della Nagra sulla regione scelta per l’ubicazione delle scorie nucleari. A suo avviso, ciò rappresenta solo un piccolo passo avanti: "La conservazione a lungo termine delle scorie nucleari terrà occupate ancora generazioni di persone".

A livello mondiale non ci sono valori empirici sulla conservazione a lungo termine delle scorie altamente radioattive, si legge ancora nella presa di posizione di Greenpeace. "Inoltre nessuno sa se e come l’ubicazione del deposito debba essere contrassegnato per le prossime generazioni".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all‘ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ’Smeraldo’
Svizzera
4 ore
Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla
Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
5 ore
Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini
L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
18 ore
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
19 ore
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
20 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
21 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
21 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
22 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
1 gior
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
© Regiopress, All rights reserved