laRegione
11.09.22 - 09:20
Aggiornamento: 17:31

L’aiuto dello Stato? ‘Un rospo da ingoiare’

I sei membri della direzione di Axpo, beneficiaria di una linea di credito di 4 miliardi, hanno rinunciato ai bonus

Ats, a cura di Red.Web
l-aiuto-dello-stato-un-rospo-da-ingoiare
Ti-Press
Scossa

La direzione di Axpo, che ha ottenuto una linea di credito dal governo federale, ha rinunciato ai bonus, ha dichiarato il ceo del gruppo energetico. L’anno scorso, il salario variabile per i sei membri ammontava a più di 2,5 milioni. Questa deroga si applicherà se Axpo farà ricorso al fondo di salvataggio messo a disposizione dal governo federale e fino a quando il denaro non sarà rimborsato, spiega Christoph Brand in un’intervista pubblicata dalla SonntagsZeitung domenica.

L’aiuto, sotto forma di una linea di credito quadro di 4 miliardi di franchi, dovrebbe consentire al gruppo elettrico di evitare il fallimento qualora si trovasse a corto di liquidità a causa dell’aumento dei prezzi dell’elettricità. Il piano di salvataggio è soggetto a condizioni, tra cui il divieto di distribuire dividendi. Il divieto di bonus non è incluso.

"Un rospo da ingoiare"

Il ceo di Axpo respinge le accuse di speculazione. "Se avessimo speculato, non avremmo assicurato la nostra produzione di elettricità con anni di anticipo". "Nessuno nel settore pensava che fosse possibile un aumento dei prezzi così vertiginoso e a questi livelli", ha dichiarato Brand in un’intervista al SonntagsBlick. "Il fatto che abbiamo chiesto aiuto allo Stato come misura precauzionale non ci rende orgogliosi", afferma. "È un rospo da ingoiare".

A suo avviso, la gestione dei rischi di Axpo non è peggiore di quella dell’azienda energetica losannese Alpiq. Il fatto che la sua azienda stia chiedendo aiuto al governo federale è dovuto alle differenze di volume. "Siamo molto più grandi di Alpiq. Quindi dobbiamo fornire più elettricità", ha detto. Nonostante le attuali difficoltà, Brand ha dichiarato alla SonntagsZeitung che continuerà la controversa attività di commercio. Il settore Trading e Vendite ha contribuito con un miliardo di franchi di profitto negli ultimi sei mesi. "Sarebbe assurdo per noi rinunciarvi".

Leggi anche:

Quattro miliardi ad Axpo: ‘Sommaruga non ha fatto il suo lavoro’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
1 ora
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
1 ora
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved