laRegione
07.09.22 - 16:10
Aggiornamento: 16:34

Il canone radio-Tv invariato a 335 franchi anche nel 2023/24

Lo ha stabilito il Consiglio federale, che ha invitato la Ssr a orientare maggiormente l’offerta online su contenuti audio e video più che scritti

il-canone-radio-tv-invariato-a-335-franchi-anche-nel-2023/24
Keystone

Anche per il biennio 2023-2024, il canone radio-tivù rimarrà a 335 franchi l’anno per le famiglie. Lo ha stabilito oggi il Consiglio federale che ha anche prolungato la concessione per l’ente radiotelevisivo (Ssr) fino al 31 dicembre 2024. Il governo, precisa una nota odierna, ha anche definito le linee generali della nuova concessone a partire dal 2025: l’ente pubblico, che dovrebbe continuare a ricevere 1,25 miliardi l’anno, dovrebbe orientare maggiormente la sua presenza online alle offerte audio e video – e limitare ulteriormente i testi scritti per non soffocare la concorrenza di altri media sul web – e proseguire la sua trasformazione, continuando a rivolgersi a tutta la popolazione e a tutte le regioni del Paese. Per compensare il calo degli introiti pubblicitari, la Ssr dovrebbe aumentare l’efficienza e prevedere dei risparmi.

Canone invariato

Dopo aver analizzato le entrate e le uscite del canone per gli anni 2023-2024, l’esecutivo ha deciso di non modificare le tariffe per le economie domestiche e le imprese per i prossimi due anni. Le proiezioni dell’Ufficio federale delle comunicazioni (Ufcom) indicano che il fabbisogno aumenterà un po’ più rapidamente dei ricavi, soprattutto a causa della compensazione del rincaro. Tuttavia, il divario rimane minimo e non giustifica un adeguamento del canone. Potrà essere compensato dalle riserve pari a 189 milioni accumulate negli ultimi anni per far fronte a variazioni impreviste di reddito o fabbisogno.

Sport e intrattenimento

Per quanto attiene alla nuova concessione Ssr, i cui tratti saranno definiti nel corso del 2023, il Consiglio federale ha ribadito che l’ente radiotelevisivo deve continuare con la sua missione al servizio della democrazia e della coesione del Paese e orientare maggiormente il suo mandato costituzionale di servizio pubblico all’informazione, alla formazione e alla cultura. Circa l’intrattenimento e lo sport, la Ssr si deve concentrare sugli ambiti non offerti dagli altri fornitori. Il Consiglio federale sta valutando di perfezionare ulteriormente questo mandato per consentire alla Ssr di far fronte alla concorrenza delle piattaforme internazionali e di tenere conto del paesaggio mediatico svizzero.

Web: meno testi scritti, più audio e video

In futuro la Ssr dovrebbe inoltre orientare maggiormente la sua presenza online all’offerta audio e video, mentre si dovrebbero considerare ulteriori restrizioni per i testi scritti. In questo modo i media privati svizzeri avrebbero più spazio su Internet. La Ssr dovrebbe continuare a servire tutte le regioni del Paese, in tutte le lingue nazionali e tutte le fasce d’età. La sua partecipazione al canone dovrebbe rimanere a 1,25 miliardi all’anno. Dopo le discussioni con la Ssr, la nuova concessione sarà oggetto di una consultazione pubblica.

Offerta Ssr all’estero

Anche l’accordo sulle prestazioni tra la Confederazione e la Ssr concernente l’offerta editoriale destinata all’estero è prorogato sino a fine 2024. Questo definisce i servizi che la Ssr deve fornire per informare gli svizzeri all’estero sull’attualità del nostro Paese e per sostenere la presenza mediatica della Svizzera all’estero. L’importo dei contributi finanziari della Confederazione rimane invariato. Questo copre la metà delle spese per i servizi mediatici forniti da swissinfo e tvsvizzera.it, nonché delle collaborazioni televisive con TV5 Monde e 3Sat.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
43 min
I conti in tasca ai Consiglieri federali
Per ciascuno dei ‘sette saggi’ uno stipendio annuo di 456mila franchi, auto di rappresentanza, auto di servizio e abbonamento generale in 1a classe
Svizzera
1 ora
Sotto l’albero mattoncini Lego e console di gioco
A poche settimane dal Natale, Digitec Galaxus fa una radiografia dei regali più gettonati per chi fa spesa online
Svizzera
1 ora
Nella foresta di Welschenrohr ci sono anche i bisonti europei
È articolato sulla durata di dieci anni il progetto che mira alla reintroduzione dell’animale nel Giura solettese
Svizzera
2 ore
L’inflazione non incide sul tasso ipotecario
Quello di riferimento, che serve a determinare le pigioni degli appartamenti in affitto, resta ancorato all’1,25%
Svizzera
14 ore
Ottobre col segno negativo per le vendite al dettaglio
Nel decimo mese dell’anno il giro d’affari ha conosciuto una contrazione del 2,7% rispetto a quello precedente. Stabilità invece su base annua
Svizzera
16 ore
Fermato un uomo in un’area di sosta con 10 kg di cocaina
Incastrato dal fiuto di Arani von der Lodeburg. L’uomo era stato controllato nei pressi di Würenlos, mentre procedeva in direzione di Berna
Svizzera
17 ore
Ancora troppo poco diffusa la cultura del ‘Nutri-Score’
Per il Consiglio federale, la popolazione va maggiormente sensibilizzata sul sistema di caratterizzazione nutrizionale degli alimenti
Svizzera
17 ore
Serata ‘calda’ per i pompieri grigionesi: doppio intervento
Principi di incendi con danni materiali a Fanas (a causa di una candela) e Bargung. Una persona portata all’ospedale per sospetta intossicazione da fumo
Svizzera
18 ore
Critiche alla Posta per il suo ruolo in rapporto alle Pmi
L’Usam rimprovera al gigante giallo la sua posizione predominante nel monopolio delle lettere, sfruttata anche in altri ambiti
Svizzera
19 ore
Scomparsa da giovedì, ritrovata morta a Brügg
Il corpo della donna, una 76enne spagnola residente a Bienne, è stato rinvenuto privo di vita in una chiusa del canale Nidau-Büren
© Regiopress, All rights reserved