laRegione
06.09.22 - 12:06
Aggiornamento: 14:05

Rinvii coatti, si fa ricorso troppo spesso alla coercizione

Lo deplora la Commissione nazionale per la prevenzione della tortura in un rapporto odierno. Ancora molti i casi di genitori ammanettati davanti ai figli

Ats, a cura di Red.Web
rinvii-coatti-si-fa-ricorso-troppo-spesso-alla-coercizione
Keystone

In generale, il rimpatrio coatto di richiedenti asilo respinti è eseguito nel rispetto della persona o delle persone da allontanare. Tuttavia, nonostante le raccomandazioni, adulti vengono ancora ammanettati davanti ai figli, ciò che la Commissione nazionale per la prevenzione della tortura deplora nel suo rapporto pubblicato oggi. Il documento si basa sull’osservazione di 33 rinvii coatti per via aerea tra aprile e dicembre 2021 e sul trasferimento all’aeroporto di otto rinvii, su voli di linea, dei livelli d’esecuzione 2 e 3 per i quali possono essere applicate misure coercitive. Sebbene le persone da rinviare siano in generale trattate in modo professionale e rispettoso, si legge in una nota odierna, la commissione si rammarica che il ricorso all’immobilizzazione parziale durante il trasferimento e in aeroporto sia ancora frequente.

Attenzione ai bambini

Nel suo rapporto esorta le autorità a rinunciare in linea di principio a qualsiasi forma di coercizione e a limitarne l’applicazione ai soli casi che rappresentano un pericolo immediato per il rimpatriando o per l’altrui sicurezza. La commissione, che ha nuovamente rilevato che dei minori hanno dovuto assistere all’uso di mezzi di contenzione su uno o su entrambi i loro genitori durante il fermo di polizia, in aeroporto e in aereo, raccomanda di evitare tali misure che possono traumatizzare la prole. Nel corso di un rinvio, una madre incinta, ammanettata davanti ai suoi figli durante il fermo di polizia, ha dovuto allattare con le manette ai polsi. La donna è rimasta ammanettata anche durante la visita del medico. Si tratta di un trattamento inumano e degradante secondo la CNPT vista la particolare vulnerabilità della madre.

Più interpreti

Si sono osservate anche diverse pratiche inadeguate, che continuano a essere applicate. Di solito gli accompagnatori di polizia disponevano di sufficienti conoscenze linguistiche per comunicare con le persone da rimpatriare. In due casi, tuttavia, la comunicazione tra questi ultimi e gli accompagnatori è risultata difficile a causa delle barriere linguistiche e dell’assenza di interpreti. In alcuni casi minorenni hanno dovuto fungere da intermediari e ciò non dovrebbe accadere. Le autorità dovrebbero invece avvalersi di accompagnatori che dispongono delle conoscenze linguistiche necessarie per interagire con le persone da rimpatriare oppure far capo ad interpreti.

Informare i familiari in patria

Sulla base anche delle prescrizioni internazionali, la commissione raccomanda alle autorità d’esecuzione di dare la possibilità alla persona da allontanare di informare i familiari o terzi sull’imminente rimpatrio mettendo a disposizione un telefono. Per quanto attiene ai rinvii di livello 2 e 3 e test obbligatori anti-Covid si è constatato nuovamente che non vi è una differenza chiara tra i rinvii di questi due livelli. Dall’entrata in vigore dell’articolo 72 della legge federale sugli stranieri e la loro integrazione è stato osservato che 17 test obbligatori sono stati eseguiti in aeroporto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
37 min
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
47 min
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved