laRegione
05.09.22 - 16:37
Aggiornamento: 21:35

Crisi energetica, ecco le contromosse delle imprese svizzere

Dal settore della vendita ai trasporti, passando per alberghi e ristoranti: come ci si prepara a far fronte all’eventuale penuria di corrente

Ats, a cura di Red.Web
crisi-energetica-ecco-le-contromosse-delle-imprese-svizzere
Keystone
Prepararsi a ogni evenienza

Le aziende svizzere si preparano al rischio di penuria energetica. Dal settore della vendita al dettaglio a quello alberghiero e della ristorazione, ai trasporti e all’industria, diversi attori hanno adottato o si apprestano ad adottare misure.

Da settembre, Coop ha messo in atto diverse misure di risparmio energetico, ha indicato un portavoce all’agenzia Awp. È entrato in vigore lo spegnimento delle luci interne e delle insegne per tutti i supermercati, negozi specializzati, uffici, magazzini e centri logistici. Anche la temperatura del riscaldamento è diminuita di due gradi. Coop rinuncia pure alle illuminazioni esterne per le festività di fine anno. Anche gli investimenti nella sostenibilità apportano il loro contributo, come i pannelli solari installati sugli edifici.

Migros ha "messo in atto un sistema di gestione di crisi professionale e collaudato, nel quale differenti scenari possibili sono oggetto di esercizi e di preparativi regolari", spiega un addetto stampa. La situazione attuale è vista come una "motivazione per accelerare ulteriormente la nostra strategia di sostenibilità". Si investe nella produzione, ad esempio sostituendo gli impianti di riscaldamento a gas con quelli a pellet di legno.

Aldi ha modernizzato la sua infrastruttura: ora utilizza solo lampadine a Led ad alta efficienza e impiega un sistema di riscaldamento e raffreddamento che sfrutta il calore generato dalle celle frigorifere per riscaldare i negozi. Altre misure potrebbero essere adottate, "a seconda della situazione". Inoltre, 60 filiali sono già dotate di pannelli solari.

Commercio al dettaglio

"Da diversi mesi abbiamo creato un gruppo di lavoro specifico per la questione energetica che analizza costantemente l’evoluzione della situazione, in particolare dei prezzi, ed è in contatto con le istituzioni", sottolinea una portavoce di Manor. Nelle prossime settimane sono previste misure concrete che si aggiungono a quelle già in atto da "molti anni", come l’illuminazione a Led. Esse riguardano in particolare l’illuminazione delle vetrine e il riscaldamento. Manor rinuncerà anche alle illuminazioni natalizie all’esterno di tutti i suoi 59 grandi magazzini.

Altri dettaglianti, come Fnac Svizzera e Globus, hanno dichiarato che stanno lavorando a misure di risparmio energetico: "Si stanno valutando delle misure, ma è troppo presto per comunicarle", sottolinea un portavoce.

L’Associazione di categoria avverte che alcune delle misure di risparmio comporteranno una riduzione delle vendite. "Studi dimostrano che se il funzionamento delle scale mobili di un centro commerciale a più piani viene interrotto, i negozi ai piani superiori perdono vendite", afferma Patrick Kessler, direttore generale dell’associazione. Questi raccomanda misure di risparmio che "non influenzino i consumi e quindi le entrate". Inoltre, se si dovesse introdurre un sistema di contingentamento come ad esempio un orario di apertura limitato, occorrerà discutere la reintroduzione del lavoro ridotto.

Trasporti

Nel settore dei trasporti pubblici è in corso di elaborazione una strategia globale, indica un portavoce delle Ffs. "Per rimanere efficienti i trasporti pubblici dipendono da un’alimentazione sicura e affidabile. È quindi certo che una penuria di energia elettrica avrebbe un impatto sul funzionamento del sistema ferroviario".

L’azienda ferroviaria ha istituito un gruppo di lavoro specifico, supportato dall’Unione dei trasporti pubblici, il cui compito è preparare l’introduzione di misure concrete, sottolinea.

Negli aeroporti, in particolare a Ginevra e Zurigo, portavoce hanno confermato all’Awp che sono allo studio misure per ridurre i costi energetici in queste infrastrutture particolarmente energivore.

Hotel e ristoranti

Per l’industria alberghiera e della ristorazione, una carenza di energia sarebbe un altro duro colpo, dato che il settore non si è ancora ripreso completamente dalla pandemia. Secondo un sondaggio di GastroSuisse, circa il 64% degli stabilimenti è preoccupato per il rischio di carenza energetica. La percentuale è ancora più alta per i grandi consumatori di energia, che rappresentano circa il 20% dei membri. Quattro stabilimenti su cinque sono preoccupati perché sarebbero direttamente interessati da un contingentamento.

Anche il forte aumento dei prezzi del gas e dell’elettricità è un incentivo al risparmio energetico. Ad esempio, il 30% degli hotel ha già adottato misure come l’installazione di timer, la sostituzione delle lampadine o l’abbassamento delle temperature.

"L’aumento dei costi energetici è una sfida (...) e ha un impatto sui nostri prezzi", afferma una portavoce del gruppo alberghiero Accor. Le misure di efficienza energetica sono in atto da anni, in collaborazione con i proprietari degli edifici, e, vista la situazione attuale, è in corso una revisione continua per identificare altri potenziali risparmi.

Il settore sostiene le misure volontarie che mirano a ridurre il consumo di energia, ma chiede che non si proceda a chiusure di installazioni o al divieto di attrezzature che "mettono a rischio le strutture alberghiere e riportano inutilmente alla mente gli spiacevoli ricordi della crisi del coronavirus", sottolinea Andreas Züllig, presidente di Hotelleriesuisse.

Industria

Le imprese del settore meccanico, elettrico e metallurgico (Mem), i cui processi produttivi richiedono temperature elevate, dipendono da una fornitura permanente di energia elettrica, sottolinea l’organizzazione di categoria Swissmem. Altrimenti, dovranno interrompere completamente la produzione.

Occorre evitare a tutti i costi una penuria di elettricità o di gas. Una situazione del genere metterebbe a rischio le aziende e i loro posti di lavoro", dichiara Martin Hirzel, presidente di Swissmem. Le imprese industriali che dipendono da una fornitura ininterrotta di energia devono quindi essere esentate da qualsiasi razionamento di gas o elettricità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
2 ore
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
2 ore
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved