laRegione
05.09.22 - 11:59
Aggiornamento: 18:52

L’80% della corrente usata in Svizzera è da fonti rinnovabili

La corrente prodotta dalle centrali idroelettriche si ritaglia la parte del leone con una quota del 68%

Ats, a cura di Red.Web
l-80-della-corrente-usata-in-svizzera-e-da-fonti-rinnovabili
Keystone

La quota di energie rinnovabili consumate in Svizzera (mix distribuito dai fornitori sulla base dell’etichettatura dell’elettricità) continua a progredire, anche se lentamente, anno dopo anno. A fine 2021, secondo dati diffusi oggi dall’Ufficio federale dell’energia (UFE), ha raggiunto l’80% del consumo finale (2020: 76%). La corrente prodotta dalle centrali idroelettriche si ritaglia la parte del leone con una quota del 68% (2020: 66%).

Seguono a ruota le "nuove" energie rinnovabili, ossia il fotovoltaico, l’eolico, l’idroelettrico su piccola scala e la biomassa, responsabili dell’11,5% del consumo, precisa l’UFE.

Nel 2020, questa quota era del 10,3%. Circa il 79% di questa elettricità è stata prodotta in Svizzera. I tre quinti circa sono stati generati in Svizzera approfittando del sistema di remunerazione per l’immissione di energia elettrica basato sui costi.

Dell’elettricità fornita nel 2021, il 18,5% è di origine nucleare (19,9% nel 2020). Come per il 2020, l’energia frutto del bombardamento degli atomi di uranio arricchito proviene quasi esclusivamente dalla Svizzera. Una piccola percentuale dell’elettricità fornita nel 2021 è di origine fossile (1,87% rispetto all’1,8% del 2020).

Dal 2018 per l’etichettatura dell’elettricità vige l’obbligo di dichiarare integralmente la provenienza. Ciò significa che, dall’anno di fornitura 2021, non è più consentita la cosiddetta "elettricità grigia", ovvero l’energia elettrica di origine sconosciuta.

Poiché nella maggior parte degli Stati limitrofi non è previsto il rilascio di garanzie di origine per la corrente prodotta dalle centrali elettriche convenzionali, la Svizzera ha introdotto la cosiddetta garanzia sostitutiva. L’energia elettrica prodotta all’estero a partire dal carbone viene dichiarata come tale e non deve più essere indicata come "elettricità grigia". La percentuale di elettricità prodotta dal carbone, importata mediante tali garanzie sostitutive, è costantemente inferiore all’1%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
45 min
‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’
Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’
Svizzera
1 ora
Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset
È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
Svizzera
3 ore
Successione di Sommaruga e Maurer, mercoledì il giorno ‘x’
La lunga giornata che sfocerà nell’elezione dei due nuovi consiglieri federali inizierà alle 8 con la seduta a camere riunite
Svizzera
4 ore
Fuga di dati, la perdita di fiducia è enorme
Un avvocato specializzato in questo ambito torna sulla vicenda che vede protagonista il Dipartimento cantonale di giustizia zurighese
Svizzera
4 ore
I ticket a due sono la regola, a tre l’eccezione
Elezione in Consiglio federale: istruzioni per l’uso in vista dell’elezione dei nuovi consiglieri federali
Svizzera
5 ore
Tre persone travolte da una slavina: morto un 24enne
Incidente in montagna con esito letale nei Grigioni, lungo la via che dal passo della Flüela porta al Piz Radönt
Svizzera
6 ore
Caduta fatale su un crinale nella regione di Grandvillard
A perdere la vita è stato un escursionista 21enne, precipitato per circa 400 metri in prossimità del Vanil Noir, nel canton Friborgo
Svizzera
6 ore
I conti in tasca ai Consiglieri federali
Per ciascuno dei ‘sette saggi’ uno stipendio annuo di 456mila franchi, auto di rappresentanza, auto di servizio e abbonamento generale in 1a classe
Svizzera
7 ore
Sotto l’albero mattoncini Lego e console di gioco
A poche settimane dal Natale, Digitec Galaxus fa una radiografia dei regali più gettonati per chi fa spesa online
Svizzera
8 ore
Nella foresta di Welschenrohr ci sono anche i bisonti europei
È articolato sulla durata di dieci anni il progetto che mira alla reintroduzione dell’animale nel Giura solettese
© Regiopress, All rights reserved