laRegione
04.09.22 - 15:46

Importante smantellamento oltre Atlantico per Credit Suisse?

È l’ipotesi che avanza oggi la SonntagsZeitung che, basandosi su fonti interne della banca, parla di possibili tagli di circa 5’000 impieghi

importante-smantellamento-oltre-atlantico-per-credit-suisse
Keystone
Quale futuro?

Il consiglio di amministrazione di Credit Suisse starebbe valutando un importante smantellamento della banca d’investimento. Lo riporta oggi la SonntagsZeitung, secondo la quale a essere interessati dalla misura sarebbero in particolare gli affari negli Stati Uniti.

In base alle informazioni raccolte dal domenicale, l’istituto finanziario giustificherebbe la misura con la volontà di risparmiare e di concentrarsi sul private banking, meno rischioso. Secondo uno scenario provvisorio, sarebbero in gioco circa 5’000 posti di lavoro.

Il ritiro dagli Stati Uniti comporterebbe una svalutazione miliardaria che, secondo fonti interne citate dalla SonntagsZeitung, potrebbe arrivare fino a 6 miliardi di franchi. Ci sarebbero comunque ancora delle resistenze in seno al consiglio di amministrazione.

La SonntagsZeitung si spinge oltre e afferma che sarebbe necessario un ulteriore programma di risparmio perché, se la banca dovesse ridurre i costi al di sotto dei 15,5 miliardi di franchi all’anno come inizialmente previsto, registrerebbe comunque una perdita di un miliardo.

Si tratta dei ‘costi normalizzati’, vale a dire escluse le spese per gli scandali, gli ammortamenti e i legali. Queste sono state di 2 miliardi di franchi negli ultimi quattro trimestri e non c’è alcuna indicazione che sia tutto.

L’avventura americana di Credit Suisse è iniziata oltre 30 anni fa con l’ingresso nella First Boston. Nell’agosto 2000, la banca svizzera rilevava la statunitense Donaldson, Lufkin & Jenrette (Dlj) per 20 miliardi di franchi. Da allora, Credit Suisse ha ammortizzato quasi interamente il prezzo di acquisto.

Credit Suisse continua a far discutere e a far nascere voci di corridoio da quando ha annunciato di voler tagliare ulteriormente i costi e ha chiesto di attendere l’annuncio ufficiale a fine ottobre. La scorsa settimana sono stati annunciati tre diversi scenari di riduzione dei posti di lavoro: 3’200 secondo il Blick, 4’000 secondo Handelsblatt e 5’000 secondo Reuters.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
21 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
23 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
2 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
2 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved