laRegione
01.09.22 - 17:04
Aggiornamento: 18:01

Strada spianata per l’Axenstrasse

Le associazioni ambientaliste rinunciano a ricorrere al Tribunale federale. Nulla si oppone più al nuovo tracciato. Opera pronta forse nel 2033

Ats, a cura di Red.Svizzera
strada-spianata-per-l-axenstrasse
Keystone
Regolarmente interrotta da frane

Sisikon – Nulla si oppone più alla realizzazione del nuovo tracciato della Axenstrasse, la trafficatissima strada tra Altdorf (UR) e Brunnen (SZ), regolarmente interrotta da frane: le associazioni ambientaliste non faranno infatti ricorso contro la sentenza del Tribunale amministrativo federale (TAF) che ha dato loro torto.

Secondo le organizzazioni Iniziativa delle Alpi, Medici per l’ambiente e Associazione traffico e ambiente (ATA), la decisione del TAF dello scorso 18 luglio "in molti punti è giustificata in modo discutibile e la conclusione è mortificante". Tuttavia, i ricorsi hanno permesso di ottenere miglioramenti sostanziali, ha indicato oggi l’autodenominato Axenkomitee.

Concentrarsi sulle misure d’accompagnamento

Un ricorso al Tribunale federale (TF) avrebbe buone chance di riuscita in merito all’attribuzione della nuova Axenstrasse alla categoria strada nazionale di seconda classe – e non più di terza – da parte del Consiglio federale. Il TAF lo ha ammesso, ma in realtà la competenza è del parlamento, ha detto a Keystone-ATS Django Betschart, dell’Iniziativa delle Alpi. I ricorrenti sono però certi che dopo una decisione in loro favore del TF, le Camere federali voterebbero senz’altro il mutamento di classificazione. Lo scopo di un ricorso al TF non è di procrastinare il cantiere: anche per questo i ricorrenti rinunciano a rivolgersi ai supremi giudici di Losanna, ha spiegato Betschart.

Il comitato vuole ora partecipare alle misure di accompagnamento previste. Inoltre, si assicurerà che il tratto tra l’area di Gumpisch, soggetta a caduta di massi, e il tunnel Flüeler non venga ampliato. Questa strozzatura contribuisce a non far deviare il traffico dell’asse del San Gottardo sulla Axenstrasse.

Progetto da 1,2 miliardi

L’intenso traffico – 16’000 veicoli quotidiani – sugli undici chilometri dell’arteria sulla sponda destra del Lago d’Uri (il bacino meridionale del Lago dei Quattro Cantoni) è spesso interrotto a causa della caduta di massi. Inoltre comporta grossi disagi per gli abitanti di Sisikon (UR) e Brunnen, località che non dispongono di una circonvallazione.

Per evitare questi problemi, nel 2014 i Cantoni Uri e Svitto hanno depositato un progetto da 1,2 miliardi di franchi, denominato N04 Neue Axenstrasse, che prevede la costruzione di due tunnel e una galleria di protezione sull’attuale carreggiata. La mobilità lenta – mezzi agricoli e biciclette – rimane sul tracciato attuale.

Il progetto è stato approvato nel 2020 dal Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni. Le tre associazioni ambientaliste hanno inoltrato ricorso contro la decisione dell’Amministrazione federale ai giudici di San Gallo. Questi in sostanza hanno stabilito che la costruzione di una nuova strada per soli veicoli a motore è ammissibile per ragioni di sicurezza.

Opera conclusa nel 2033 (forse)

I ricorrenti hanno criticato anche gli studi di impatto ambientale che non avrebbero tenuto conto degli impegni presi dalla Svizzera nel quadro degli Accordi di Parigi sul clima. Il TAF ha però ricordato che il popolo ha respinto la revisione totale della Legge sul CO2 che mirava a concretizzare gli impegni di Berna e solo il diritto vigente è applicabile al progetto. Infine, l’argomento di una messa in pericolo di zone naturali meritevoli di protezione è stato giudicato infondato.

La nuova strada sarà finanziata nella misura del 94% dalla Confederazione; i Cantoni di Uri e Svitto copriranno il 6% restante.

Reagendo alla decisione dei ricorrenti, le cancellerie di Altdorf (UR) e Svitto indicano che i lavori per i due trafori potranno iniziare, nel migliore dei casi, nel 2025. È legittimo ritenere che l’opera sarà conclusa nel 2033.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 min
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
33 min
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
Svizzera
34 min
Guerra in Ucraina, congelati 7,5 miliardi di averi russi
La Segreteria di Stato dell’economia dà... i numeri. Sequestrati pure 15 immobili in sei cantoni
Svizzera
1 ora
Più risorse per proteggere le greggi dal lupo
Il Nazionale vota quattro milioni supplementari. Jacques Nicolet (Udc): ‘Siamo in una situazione critica’
Svizzera
2 ore
Novembre di stabilità per l’inflazione
Mentre in Europa il rincaro nell’ultimo mese ha toccato il 10% (dato comunque in lieve flessione), in Svizzera il tasso si è attestato al 3%
Svizzera
3 ore
Biglietti digitali nel futuro dei trasporti pubblici
Troppo costosa l’infrastruttura per quelli cartacei. L’Alliance Swiss Pass pensa a un futuro votato alla digitalizzazione
Svizzera
6 ore
‘Penso troppo poco ai ‘segnali’, forse mi baso troppo sui fatti’
La consigliera agli Stati socialista Eva Herzog è la favorita per la successione di Simonetta Sommaruga in Consiglio federale. Intervista.
friburgo
13 ore
Tribunale cantonale assolve in appello 27 attivisti per clima
Avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday.
Svizzera
19 ore
Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca
Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
1 gior
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
© Regiopress, All rights reserved