laRegione
01.09.22 - 16:15
Aggiornamento: 16:48

L’inflazione non si arresta: nuova crescita in agosto

Seppur inferiore a quello di altre nazioni, il tasso resta al massimo da quasi trent’anni a questa parte

Ats, a cura di Red.Web
l-inflazione-non-si-arresta-nuova-crescita-in-agosto
Ti-Press
Corre la spesa!

L’inflazione aumenta ancora lievemente in Svizzera e si conferma ad alti livelli, perlomeno per gli standard storici del Paese, ma nettamente inferiore a quella registrata in altri Paesi europei: in agosto il rincaro annuo si è attestato al 3,5%, in lieve accelerazione rispetto al 3,4% di giugno e luglio, nonché ai massimi da quasi 30 anni a questa parte. Stando ai dati pubblicati dall’Ufficio federale di statistica nell’ottavo mese dell’anno l’indice dei prezzi al consumo si è attestato a 104,8 punti, in progressione dello 0,3% rispetto a luglio. I dati diffusi oggi sono nella fascia alta delle attese degli analisti, che scommettevano su valori annui che andavano dal 3,3 al 3,5%.

Il rincaro non accenna quindi a diminuire, confermando una tendenza che dura ormai da tempo: si registra infatti il 20esimo mese consecutivo in cui il dato non si abbassa. Il valore di agosto è inoltre il più elevato da quello (del 3,6%) registrato nell’agosto 1993. A titolo di confronto storico alcuni mesi del 1991 superarono il 6% e nel 1973 si videro dati superiori all’11%; per non parlare dell’agosto 1941, quando venne toccato il 17,7%. Negli ultimi anni per contro l’inflazione in Svizzera – come in vari altri Paesi – è stata addirittura negativa: prendendo la sequenza 2014-2021, i tassi sono stati 0,0, -1,1, -0,4, +0,5, +0,9, +0,4, -0,7 e +0,6 per cento.

Vista in un’ottica internazionale l’inflazione elvetica può peraltro essere considerata ancora relativamente limitata, nel contesto attuale: per fare un paragone nell’Eurozona ha toccato il 9,1% in agosto, un livello mai registrato dalla nascita dell’Unione economica e monetaria. Tornando nella Confederazione, la crescita dell’indice in agosto rispetto al mese precedente è il risultato di diversi fattori, tra cui l’aumento dei prezzi dei servizi ospedalieri stazionari, dei servizi delle istituzioni sociali e degli affitti delle abitazioni. È invece diminuito il costo del noleggio di veicoli personali, delle analisi di laboratorio e dei carburanti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
28 min
‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’
Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’
Svizzera
1 ora
Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset
È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
Svizzera
3 ore
Successione di Sommaruga e Maurer, mercoledì il giorno ‘x’
La lunga giornata che sfocerà nell’elezione dei due nuovi consiglieri federali inizierà alle 8 con la seduta a camere riunite
Svizzera
3 ore
Fuga di dati, la perdita di fiducia è enorme
Un avvocato specializzato in questo ambito torna sulla vicenda che vede protagonista il Dipartimento cantonale di giustizia zurighese
Svizzera
4 ore
I ticket a due sono la regola, a tre l’eccezione
Elezione in Consiglio federale: istruzioni per l’uso in vista dell’elezione dei nuovi consiglieri federali
Svizzera
5 ore
Tre persone travolte da una slavina: morto un 24enne
Incidente in montagna con esito letale nei Grigioni, lungo la via che dal passo della Flüela porta al Piz Radönt
Svizzera
5 ore
Caduta fatale su un crinale nella regione di Grandvillard
A perdere la vita è stato un escursionista 21enne, precipitato per circa 400 metri in prossimità del Vanil Noir, nel canton Friborgo
Svizzera
6 ore
I conti in tasca ai Consiglieri federali
Per ciascuno dei ‘sette saggi’ uno stipendio annuo di 456mila franchi, auto di rappresentanza, auto di servizio e abbonamento generale in 1a classe
Svizzera
7 ore
Sotto l’albero mattoncini Lego e console di gioco
A poche settimane dal Natale, Digitec Galaxus fa una radiografia dei regali più gettonati per chi fa spesa online
Svizzera
7 ore
Nella foresta di Welschenrohr ci sono anche i bisonti europei
È articolato sulla durata di dieci anni il progetto che mira alla reintroduzione dell’animale nel Giura solettese
© Regiopress, All rights reserved