laRegione
31.08.22 - 14:24
Aggiornamento: 14:42

Tassa sul traffico pesante più snella e compatibile Ue

Dal Consiglio federale un progetto per la modifica della legge, con la relativa richiesta di credito di oltre mezzo miliardo di franchi

Ats, a cura di Red.Web
tassa-sul-traffico-pesante-piu-snella-e-compatibile-ue
Ti-Press
Controlli in dogana

Il Consiglio federale ha trasmesso oggi al parlamento il progetto di modifica della Legge sul traffico pesante e la richiesta di un credito di oltre mezzo miliardo di franchi per il finanziamento di un nuovo sistema per la riscossione della Tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni (Ttpcp). Tutto si basa sulle soluzioni stabilite nel mercato europeo dei pedaggi.

Il sistema di rilevazione attualmente in uso in Svizzera per la riscossione della Ttpcp raggiungerà la fine della sua vita tecnica nel 2024 e deve quindi essere rinnovato, indica il Consiglio federale nel messaggio per le Camere. Il nuova sistema semplificherà in modo significativo la riscossione della tassa e ridurrà l’onere amministrativo per l’industria dei trasporti e la Confederazione, promette il Governo.

Mezzo miliardo per la nuova rilevazione

Dalla sua introduzione nel 2001, la Ttpcp è riscossa mediante un apparecchio di rilevazione dell’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini (Udsc), autorizzato esclusivamente a tal fine in Svizzera e nel Liechtenstein, che è ormai tecnicamente pressoché morto.

Per tale motivo il Consiglio federale chiede un credito d’impegno di 515 milioni di franchi stimato per un periodo di dieci anni. Gli investimenti annuali di oltre 50 milioni di franchi saranno compensati da entrate totali annuali pari a circa 1,6 miliardi di franchi, fa notare il Governo.

Sistema compatibile con l’Unione europea

Con il servizio europeo di telepedaggio (Set) sono stati introdotti standard uniformi armonizzati a livello europeo che semplificano e velocizzano sensibilmente la riscossione del pedaggio nel Vecchio Continente, in particolare nel traffico transfrontaliero. In questo modo è stata creata la base per poter riscuotere i pedaggi in tutta Europa attraverso fornitori di servizi di rilevazione e un apparecchio di rilevazione interoperabile.

In Svizzera, dal 2020 si utilizza una procedura compatibile con il Set per riscuotere la Ttpcp sui veicoli immatricolati all’estero. In futuro, con la modifica della Legge sul traffico pesante (Lttp) licenziata oggi, questa procedura sarà introdotta anche per i veicoli immatricolati nella Confederazione.

Agevolazioni per i trasportatori

Con il previsto adeguamento al Set, le imprese di trasporto svizzere beneficeranno di sgravi amministrativi grazie alla digitalizzazione e all’automatizzazione dei processi. Inoltre, nel traffico internazionale, i diversi apparecchi per la riscossione dei pedaggi saranno ridotti a un unico apparecchio. In questo modo si riducono anche i tempi di imposizione e di attesa al confine.

Con la modifica della Lttp, l’Udsc non dovrà più sviluppare e consegnare un proprio apparecchio di rilevazione. Come nell’Ue, questo compito deve essere assunto da fornitori privati di servizi di rilevazione. Berna indicherà loro le disposizioni legali relative alla riscossione e ne controllerà l’attuazione.

Escluso il numero di assi per il calcolo del peso

I parametri per il calcolo della Ttpcp e, quindi, l’importo della tassa rimarranno invariati rispetto a oggi. Tenendo conto delle forti critiche espresse in procedura di consultazione, il Consiglio federale ha deciso di non includere il numero di assi e un peso stabilito per asse nel calcolo del peso determinante.

"L’idea è stata respinta con decisione" dall’economia e dal settore interessato e dalla maggioranza dei partiti politici, secondo i quali un metodo di calcolo comprendente gli assi comporterebbe un onere maggiore per il settore dei trasporti rispetto al metodo di calcolo attuale, si legge nel messaggio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
1 ora
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
1 ora
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved