laRegione
29.08.22 - 23:29

Lotta al riciclaggio di denaro: ‘Legislazione in ritardo’

Il Controllo federale delle finanze critica le leggi elvetiche che raramente anticipano l’evoluzione a livello internazionale. Urge correre ai ripari

Ats, a cura di Red.Web
lotta-al-riciclaggio-di-denaro-legislazione-in-ritardo
Ti-Press

La legislazione svizzera è perennemente in ritardo quando si parla di lotta al riciclaggio di denaro: la critica è mossa dal Controllo federale delle finanze (Cdf) in un rapporto pubblicato oggi. In esso si rileva che le leggi elvetiche raramente anticipano l’evoluzione a livello internazionale. Questa situazione indebolisce le autorità svizzere. Il dispositivo lascia inoltre aperta la porta a rischi finanziari: urge correre ai ripari.

Nella sintesi del rapporto si precisa che il Cdf ha svolto 16 verifiche e valutazioni relative alla lotta contro la criminalità economica tra il 2015 e il 2021 grazie all’impulso dato da un’iniziativa lanciata nel 2014 sotto la direzione dell’ex procuratore pubblico ticinese Paolo Bernasconi. Su questi 16 dossier sono state formulate 74 raccomandazioni di cui 30 ancora in sospeso.

Rischi finanziari e di reputazione per le autorità

Nel corso delle verifiche sono emerse lacune e, quindi, rischi finanziari e di reputazione per le autorità elvetiche, rileva il Cdf. È anche apparso chiaro che la legislazione svizzera è in costante ritardo, anticipa di rado gli sviluppi del quadro internazionale. Inoltre, l’ammontare delle sanzioni imposte in caso di reato non è abbastanza dissuasivo: le aziende pagano un massimo di cinque milioni di franchi.

I tribunali che si occupano dei provvedimenti coercitivi sono spesso criticati per la loro lentezza. Ma, spiega il Cdf, vi è solo un giudice responsabile di smistare gli enormi quantitativi di dati siglati: in alcuni casi la procedura può durare fino a 400 giorni.

Mros riceve pochissime segnalazioni

Il Cdf rileva pure che l’Ufficio di comunicazione in materia di riciclaggio di denaro (Mros) riceve pochissime segnalazioni da settori che potrebbero essere utilizzati a fini di riciclaggio. Le autorità che riscontrano anomalie devono assolutamente riferirle al Mros.

Ad esempio può succedere che l’autorità di vigilanza sulle fondazioni abbia sospetti di riciclaggio di denaro, ma al momento non trasmette tali informazioni a Mros. Anche la supervisione del registro fondiario potrebbe essere migliorata: difatti il settore immobiliare è tuttora una via privilegiata per introdurre fondi di origine illegale nel circuito finanziario legale.

I controllori federali puntano l’indice anche sul settore dei metalli preziosi: l’acquisto di materiali destinati alla fusione, il settore più rischioso, è infatti parzialmente escluso dal monitoraggio sull’origine delle materie prime. Il controllo è limitato alla verifica del commercio di lingotti d’oro già raffinati.

Sfide sempre in evoluzione

Il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) condivide le preoccupazioni del Cdf: sta infatti valutando costantemente possibili miglioramenti, si legge in una presa di posizione, nella quale la Procura federale precisa che il suo campo d’azione è tuttavia limitato.

Inoltre, le sfide sono in continua evoluzione, a causa degli eventi attuali, come la guerra in Ucraina. Per l’Mpc si deve procedere a una riflessione di fondo per esaminare se il quadro giuridico riguardante il sequestro dei beni sia una soluzione sufficiente.

La Procura federale ritiene inoltre che fedpol debba istituire un ciber-commissariato: le attuali minacce legate alla guerra in Ucraina illustrano la necessità di una polizia e di procuratori specializzati nel campo della criminalità informatica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 min
Caduta fatale su un crinale nella regione di Grandvillard
A perdere la vita è stato un escursionista 21enne, precipitato per circa 400 metri in prossimità del Vanil Noir, nel canton Friborgo
Svizzera
48 min
I conti in tasca ai Consiglieri federali
Per ciascuno dei ‘sette saggi’ uno stipendio annuo di 456mila franchi, auto di rappresentanza, auto di servizio e abbonamento generale in 1a classe
Svizzera
1 ora
Sotto l’albero mattoncini Lego e console di gioco
A poche settimane dal Natale, Digitec Galaxus fa una radiografia dei regali più gettonati per chi fa spesa online
Svizzera
2 ore
Nella foresta di Welschenrohr ci sono anche i bisonti europei
È articolato sulla durata di dieci anni il progetto che mira alla reintroduzione dell’animale nel Giura solettese
Svizzera
2 ore
L’inflazione non incide sul tasso ipotecario
Quello di riferimento, che serve a determinare le pigioni degli appartamenti in affitto, resta ancorato all’1,25%
Svizzera
14 ore
Ottobre col segno negativo per le vendite al dettaglio
Nel decimo mese dell’anno il giro d’affari ha conosciuto una contrazione del 2,7% rispetto a quello precedente. Stabilità invece su base annua
Svizzera
16 ore
Fermato un uomo in un’area di sosta con 10 kg di cocaina
Incastrato dal fiuto di Arani von der Lodeburg. L’uomo era stato controllato nei pressi di Würenlos, mentre procedeva in direzione di Berna
Svizzera
17 ore
Ancora troppo poco diffusa la cultura del ‘Nutri-Score’
Per il Consiglio federale, la popolazione va maggiormente sensibilizzata sul sistema di caratterizzazione nutrizionale degli alimenti
Svizzera
17 ore
Serata ‘calda’ per i pompieri grigionesi: doppio intervento
Principi di incendi con danni materiali a Fanas (a causa di una candela) e Bargung. Una persona portata all’ospedale per sospetta intossicazione da fumo
Svizzera
18 ore
Critiche alla Posta per il suo ruolo in rapporto alle Pmi
L’Usam rimprovera al gigante giallo la sua posizione predominante nel monopolio delle lettere, sfruttata anche in altri ambiti
© Regiopress, All rights reserved