laRegione
26.08.22 - 14:32

L’inflazione sarà più cara del previsto: stime riviste

Per la prima volta dal 2008, in giugno e luglio il rincaro ha superato il 3%. Credit Suisse ritocca verso l’alto le stime annue: 2,9% anziché 2,3%

Ats, a cura di Red.Web
l-inflazione-sara-piu-cara-del-previsto-stime-riviste
Ti-Press
Rincaro... più caro

Il rincaro in Svizzera si è rivelato nei mesi estivi più forte di quanto atteso, sulla scia in particolare della crisi energetica europea, e per questa ragione Credit Suisse rivede sensibilmente al rialzo le sue previsioni riguardo all’inflazione per l’intero 2022.

I prezzi al consumo dovrebbero salire del 2,9%, e non del 2,3% come pronosticato nella stima precedente. È quanto emerge da un rapporto pubblicato oggi dalla grande banca. Nel 2023 il tasso dovrebbe poi ridursi all’1,0%.

Gli analisti dell’istituto ricordano come nei mesi di giugno e luglio appena trascorsi il rincaro annuo abbia superato il 3% per la prima volta dal 2008, "oltrepassando le nostre aspettative", si legge nel documento. Il continuo aumento dei prezzi dell’energia, aggravato da una siccità in Europa che ha fatto aumentare i costi di trasporto dei prodotti petroliferi sul Reno, è stato il principale motore di questa evoluzione. Le pressioni inflazionistiche si sono però anche estese ad altre categorie.

Gli specialisti dell’istituto di credito si aspettano peraltro che queste pressioni si attenuino nei prossimi mesi, grazie a fattori stagionali e ai miglioramenti sul fronte della catena degli approvvigionamenti. L’apprezzamento del franco dovrebbe inoltre portare a una leggera riduzione dei prezzi di alcuni beni, anche se l’effetto del tasso di cambio viene ritenuto difficile da misurare. Credit Suisse stima che un rafforzamento del 10% del franco rispetto all’euro riduca il tasso di inflazione di 0,5 punti percentuali.

A frenare il rincaro sarà inoltre il rallentamento della crescita economica: come già comunicato a inizio mese, l’istituto si aspetta infatti che la progressione del prodotto interno lordo (Pil) scenda all’1,0% nel 2023, dal 2,5% nel 2022. Come noto secondo le prime stime l’anno scorso il Pil si era espanso del 3,7%, rimbalzando dopo l’arretramento registrato nel 2020 (-2,4%), primo anno pandemico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 min
Sotto l’albero mattoncini Lego e console di gioco
A poche settimane dal Natale, Digitec Galaxus fa una radiografia dei regali più gettonati per chi fa spesa online
Svizzera
30 min
Nella foresta di Welschenrohr ci sono anche i bisonti europei
È articolato sulla durata di dieci anni il progetto che mira alla reintroduzione dell’animale nel Giura solettese
Svizzera
40 min
L’inflazione non incide sul tasso ipotecario
Quello di riferimento, che serve a determinare le pigioni degli appartamenti in affitto, resta ancorato all’1,25%
Svizzera
12 ore
Ottobre col segno negativo per le vendite al dettaglio
Nel decimo mese dell’anno il giro d’affari ha conosciuto una contrazione del 2,7% rispetto a quello precedente. Stabilità invece su base annua
Svizzera
14 ore
Fermato un uomo in un’area di sosta con 10 kg di cocaina
Incastrato dal fiuto di Arani von der Lodeburg. L’uomo era stato controllato nei pressi di Würenlos, mentre procedeva in direzione di Berna
Svizzera
15 ore
Ancora troppo poco diffusa la cultura del ‘Nutri-Score’
Per il Consiglio federale, la popolazione va maggiormente sensibilizzata sul sistema di caratterizzazione nutrizionale degli alimenti
Svizzera
15 ore
Serata ‘calda’ per i pompieri grigionesi: doppio intervento
Principi di incendi con danni materiali a Fanas (a causa di una candela) e Bargung. Una persona portata all’ospedale per sospetta intossicazione da fumo
Svizzera
16 ore
Critiche alla Posta per il suo ruolo in rapporto alle Pmi
L’Usam rimprovera al gigante giallo la sua posizione predominante nel monopolio delle lettere, sfruttata anche in altri ambiti
Svizzera
17 ore
Scomparsa da giovedì, ritrovata morta a Brügg
Il corpo della donna, una 76enne spagnola residente a Bienne, è stato rinvenuto privo di vita in una chiusa del canale Nidau-Büren
Svizzera
18 ore
Gettano il porcellino d’india in un cestino dei rifiuti
È salvo e in buone condizioni l’animaletto domestico recuperato operaio comunale ad Amriswil, ora affidato alla protezione animali
© Regiopress, All rights reserved