laRegione
24.08.22 - 16:32
Aggiornamento: 16:54

La votazione contro gli F-35 deve aspettare

L’iniziativa popolare ‘Stop F-35’ non potrà essere sottoposta al popolo prima della scadenza dell’offerta d’acquisto dei caccia, il 31 marzo 2023

Ats, a cura di Red.Web
la-votazione-contro-gli-f-35-deve-aspettare
Keystone

L’iniziativa popolare "Contro gli F-35 (Stop F-35)" non potrà essere sottoposta al popolo prima della scadenza dell’offerta d’acquisto dei caccia, il 31 marzo 2023. Lo afferma oggi il Consiglio federale ricordando come le "iniziative popolari federali non hanno alcun effetto giuridico anticipato".

L’iniziativa era stata dichiarata formalmente riuscita lunedì, sei mesi prima della scadenza fissata per la raccolta delle firme. Gli iniziativisti – Gruppo per una Svizzera senza esercito (Gsse), Partito socialista e Verdi – vogliono ancorare nella Costituzione il divieto di acquistare i jet da combattimento F-35 Lightning II, del produttore statunitense Lockheed Martin.

Gli iniziativisti hanno stilato un calendario che dovrebbe permettere un voto popolare entro il 12 marzo dell’anno prossimo. Ciò presuppone un calendario strettissimo, con il Consiglio federale che dovrebbe licenziare il messaggio sull’iniziativa già nei prossimi giorni, in modo che il Parlamento possa occuparsene durante la sessione di settembre.

Oggi la doccia fredda: "La tabella di marcia richiesta dai promotori dell’iniziativa per svolgere la votazione popolare prima della scadenza della validità delle offerte nel marzo 2023 non può essere rispettata", afferma il Consiglio federale in un comunicato.

Prima di licenziare il messaggio, il Governo deve infatti attendere che il Parlamento concluda i dibattiti, ancora in corso, in merito al credito d’impegno per l’acquisto dei nuovi aerei da combattimento nel quadro del messaggio sull’esercito 2022. A seconda delle scelte che le Camere effettueranno, le ripercussioni dell’iniziativa popolare varieranno.

Il calendario proposto dagli iniziativisti non può essere rispettato nemmeno se le procedure usuali dell’Amministrazione federale venissero snellite. Questo perché, spiega l’esecutivo, "l’obbligo di diligenza non sarebbe salvaguardato e pertanto un esame serio dell’iniziativa da parte del Consiglio federale e del Parlamento non sarebbe possibile".

Nella nota il Governo afferma anche di non avere alcuna intenzione di creare un precedente e adeguarsi alla tabella di marcia del comitato promotore dell’iniziativa. L’esecutivo teme che lo strumento dell’iniziativa popolare possa essere usato impropriamente come referendum finanziario de facto.

Con il solo avvio di una raccolta di firme, le decisioni prese dal Consiglio federale e dal Parlamento nell’ambito delle loro competenze potrebbero infatti essere annullate. Inoltre anche altri comitati d’iniziativa potrebbero pretendere tale trattamento preferenziale.

Insomma, "le regole del gioco nella gestione delle iniziative popolari sono note e pubblicamente legittimate". Nel caso specifico, inoltre, un ritardo avrebbe gravi conseguenze per la Svizzera su piano della politica di sicurezza.

Il Governo teme infatti che la fornitura degli F-35 da parte del costruttore sia a rischio, dato che altri Paesi europei hanno effettuato ordini che potrebbero passare davanti a quello svizzero in caso di tergiversazioni. A partire dal 2030 la popolazione non sarebbe più protetta da minacce e pericoli provenienti dallo spazio aereo.

Detto ciò, il Consiglio federale assicura che il Dipartimento della difesa (Ddps) "elaborerà il messaggio nel più breve tempo possibile, ma con la dovuta accuratezza". Questo sarà trasmesso al Parlamento entro la sessione invernale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
39 min
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
48 min
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved