laRegione
24.08.22 - 14:41

Svizzera pronta a curare i malati provenienti dall’Ucraina

Due le richieste di ammissione già pervenute alla Confederazione: una concernente le gravi patologie e l’altra riguardante i bambini

Ats, a cura di Red.Web
svizzera-pronta-a-curare-i-malati-provenienti-dall-ucraina
Keystone
Porte aperte agli ucraini

La Svizzera ha ricevuto due richieste d’ammissione di civili ucraini malati: una riguarda malati gravi, l’altra bambini, alcuni dei quali con gravi disabilità. In linea di principio, la Svizzera è disposta ad accettare un certo numero di civili per le cure, indica oggi a Keystone-Ats la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds).

In un incontro con la stampa, ieri l’ambasciatore ucraino Artem Rybchenko aveva menzionato le richieste, parlando di circa 150 bambini bisognosi di cure.

Secondo la Cds, le questioni del trasporto, dello statuto di protezione e del finanziamento sono in linea di massima state chiarite. È già stato creato un gruppo di esperti che riunisce medici di vari ospedali per valutare i dossier di coloro che hanno bisogno di cure. Tale comitato proporrà agli ospedali coinvolti gli eventuali pazienti da ricoverare.

In attesa dei dossier

I nosocomi interpellati sono d’accordo con tale procedura, precisa la Cds. Secondo quest’ultima il trasferimento in Svizzera dei malati acuti potrà iniziare non appena saranno disponibili dossier sufficientemente precisi. Al momento mancano però ancora le cartelle cliniche dettagliante. Oggi la Cds non è quindi in grado di fornire informazioni sul calendario.

Il numero di bambini da accogliere è stato rivisto al ribasso: dai 155 iniziali si è scesi a circa un centinaio. La maggioranza di loro necessita di cure di lunga durata, anche perché a volte sono affetti da problematiche sia fisiche, sia psicologiche. L’Ucraina sta elaborando una nuova lista. Occorrono comunque maggiori informazioni per valutare i bisogni di cure e di assistenza. In alcuni casi l’assistenza sul posto potrebbe rivelarsi più opportuna.

Nessuna ammissione di militari feriti

Il Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae) non ha dato il nullaosta all’ammissione di uomini feriti provenienti dall’Ucraina, anche se i Cantoni erano disposti a farlo. Il ministero diretto da Ignazio Cassis ha addotto motivi legati alla politica svizzera di neutralità, che impedisce di accogliere pazienti militari, che poi ritornerebbero al fronte. Una distinzione tra feriti civili e militari è spesso difficilmente possibile, sottolinea il Dfae.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
35 min
I conti in tasca ai Consiglieri federali
Per ciascuno dei ‘sette saggi’ uno stipendio annuo di 456mila franchi, auto di rappresentanza, auto di servizio e abbonamento generale in 1a classe
Svizzera
1 ora
Sotto l’albero mattoncini Lego e console di gioco
A poche settimane dal Natale, Digitec Galaxus fa una radiografia dei regali più gettonati per chi fa spesa online
Svizzera
1 ora
Nella foresta di Welschenrohr ci sono anche i bisonti europei
È articolato sulla durata di dieci anni il progetto che mira alla reintroduzione dell’animale nel Giura solettese
Svizzera
2 ore
L’inflazione non incide sul tasso ipotecario
Quello di riferimento, che serve a determinare le pigioni degli appartamenti in affitto, resta ancorato all’1,25%
Svizzera
14 ore
Ottobre col segno negativo per le vendite al dettaglio
Nel decimo mese dell’anno il giro d’affari ha conosciuto una contrazione del 2,7% rispetto a quello precedente. Stabilità invece su base annua
Svizzera
16 ore
Fermato un uomo in un’area di sosta con 10 kg di cocaina
Incastrato dal fiuto di Arani von der Lodeburg. L’uomo era stato controllato nei pressi di Würenlos, mentre procedeva in direzione di Berna
Svizzera
16 ore
Ancora troppo poco diffusa la cultura del ‘Nutri-Score’
Per il Consiglio federale, la popolazione va maggiormente sensibilizzata sul sistema di caratterizzazione nutrizionale degli alimenti
Svizzera
17 ore
Serata ‘calda’ per i pompieri grigionesi: doppio intervento
Principi di incendi con danni materiali a Fanas (a causa di una candela) e Bargung. Una persona portata all’ospedale per sospetta intossicazione da fumo
Svizzera
18 ore
Critiche alla Posta per il suo ruolo in rapporto alle Pmi
L’Usam rimprovera al gigante giallo la sua posizione predominante nel monopolio delle lettere, sfruttata anche in altri ambiti
Svizzera
19 ore
Scomparsa da giovedì, ritrovata morta a Brügg
Il corpo della donna, una 76enne spagnola residente a Bienne, è stato rinvenuto privo di vita in una chiusa del canale Nidau-Büren
© Regiopress, All rights reserved