laRegione
24.08.22 - 11:55
Aggiornamento: 15:24

Quando andare allo stadio diventa un lusso

Alcune partite di calcio possono costare più di 200 franchi a famiglia. Più care quelle di hockey, dove il prezzo può superare anche i 300 franchi.

Ats, a cura di Red.Web
quando-andare-allo-stadio-diventa-un-lusso
Keystone

Andare allo stadio sta diventando un lusso in Svizzera: lo sostiene il periodico consumeristico K-Tipp, che ha calcolato i costi che è chiamato a sopportare chi vuole portare la famiglia a vedere una partita di calcio o di hockey. Si può arrivare a sfiorare i 370 franchi.

Nel numero oggi in edicola la testata zurighese ha effettuato un’analisi dei prezzi praticati dalle 10 squadre della Super League (massima categoria del calcio elvetico) e dalle 14 della National League (il corrispettivo per il disco su ghiaccio). I giornalisti hanno preso come riferimento una famiglia con due adulti e due ragazzi di 9 e 12 anni, che prendono posto sulla tribuna opposta a quella principale (più cara). Gli adulti inoltre si concedono un bratwurst e una birra, mentre ai bambini va una porzione di patatine fritte e una bibita.

Per questa sorta di pacchetto di divertimento il football club Zurigo chiede 230 franchi: è il prezzo più elevato in ambito calcistico. Seguono Young Boys (227), Basilea (225), Lucerna (220), Grasshopper (180), San Gallo (178), Sion (177), Servette (140), Lugano (130) e Winterthur (120).

A Zurigo un bambino paga la tariffa piena già a partire da 7 anni: deve quindi sborsare 45 franchi. "Troppi prezzi diversi comporterebbero un grande sforzo di controllo in termini di personale e di tempo", si giustifica la società in dichiarazioni riportate da K-Tipp. Tuttavia non sembrano esserci problemi al riguardo per tutti gli altri club calcistici della massima divisione: i bambini e i giovani pagano chiaramente meno per un posto a sedere rispetto agli adulti. La tariffa minore è praticata allo stadio di Cornaredo (5 franchi), ma anche club di primissimo piano come Basilea e Young Boys offrono ai piccoli uno sconto del 50% sul prezzo normale.

La tariffa meno cara per gli adulti – 30 franchi nell’esempio in questione – viene invece proposta dal Winterthur, una squadra nota per il suo carattere molto popolare e non elitario. "Offriamo i posti a sedere al prezzo più basso possibile, in modo che gli spettatori possano permettersi anche una salsiccia o una bibita", spiega un responsabile del club.

Chi pensa di passare dal calcio all’hockey sperando di poter pagare meno si sbaglia di grosso: accedere ai palazzetti del ghiaccio è ancora più caro. Il salasso maggiore è quello richiesto dallo Zugo, dove la famiglia in questione arriva a sborsare 368 franchi; ma a seconda dell’avversario e del numero di spettatori i singoli biglietti a Zugo possono ancora cambiare, perché il club adegua i prezzi alla domanda. Anche il Ginevra-Servette applica un sovrapprezzo di 5 franchi per gli avversari con molti sostenitori; presso tutti gli altri club i prezzi sono invece fissi.

Stando ai calcoli di K-Tipp più di 300 franchi devono pagare anche gli spettatori di Losanna (328 franchi), Rapperswil (318) e Davos (313). Seguono Langnau (276), Ajoie (248), Berna (228), Friburgo (222), Bienne (218), Zurigo (208), Kloten (192).

In fondo alla classifica vi sono i dati non ancora completi di Ginevra-Servette (222), Ambrì-Piotta (188) e Lugano (147): per la squadra leventinese non è ancora noto il prezzo dei ragazzi (e quindi non è stato computato nel calcolo), mentre per le altre due società non si sa ancora quanto costeranno cibi e bevande.

In generale può infine ancora essere osservato che le società hockeystiche hanno meno remore di quelle calcistiche nell’incassare sui ragazzini: solo 6 dei 14 club della massima lega offrono biglietti scontati per i bambini. Si tratta di Lugano, Zurigo, Kloten, Friburgo, Bienne, e Ginevra-Servette. Altrove i piccoli fan devono pagare il prezzo pieno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 sec
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 ora
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
1 ora
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
1 ora
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
2 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
4 ore
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
Svizzera
6 ore
In Svizzera c’è una grave carenza di personale specializzato
In difficoltà soprattutto i settori della sanità, dell’informatica e delle scienze ingegneristiche. A rilevarlo il relativo indice di Adecco
Svizzera
8 ore
A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023
Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi
Svizzera
10 ore
Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella
Il presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consiglieri federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
Svizzera
22 ore
Consiglio degli Stati, Brigitte Häberli-Koller eletta presidente
La turgoviese del Centro prende il posto di Thomas Hefti (Plr/Gl) che ha deciso di non presentarsi alle elezioni federali del prossimo ottobre
© Regiopress, All rights reserved