laRegione
23.08.22 - 12:49
Aggiornamento: 14:34

Statuto S, positivo il bilancio dei primi sei mesi

Buona in particolare l’integrazione nel mondo del lavoro: l’11% dei profughi ucraini ha un impiego, il doppio rispetto alle altre categorie di rifugiati

Ats, a cura di Red.Web
statuto-s-positivo-il-bilancio-dei-primi-sei-mesi
Keystone

Il bilancio dell’introduzione sei mesi fa dello status di protezione S è positivo, in particolare per quel che concerne l’integrazione dei rifugiati ucraini nel mondo del lavoro. Lo ha indicato oggi alla stampa la consigliera federale Karin Keller-Sutter.

Attualmente circa l’11% degli ucraini giunti in Svizzera ha un lavoro. Tale quota è circa il doppio delle altre categorie di rifugiati, come le persone ammesse temporaneamente, ha affermato la ministra di Giustizia e polizia.

Questa differenza si spiega con le migliori qualifiche professionali degli ucraini, afferma Keller-Sutter. I settori confrontati con una forte carenza di manodopera – come alberghi, ristoranti e informatica – sono quelli dove è stato rilasciato il maggior numero di autorizzazioni.

Avere un lavoro è la chiave per una maggiore indipendenza finanziaria e consente anche ai migranti di mantenere e sviluppare le proprie competenze. Esistono però ancora ostacoli, come le lingue, in particolare francese e italiano, e la custodia dei figli (l’80% dei migranti ucraini sono donne). Detto ciò, l’operazione può essere considerata "un successo", anche perché Confederazione, Cantoni e parti sociali si sono facilmente accordati e coordinati, ha sostenuto la consigliera federale.

Ora si tratta di guardare al futuro: in giugno Keller-Sutter aveva invitato la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) a considerare il possibile ritorno dei rifugiati. "Questo non significa che lo status S sarà revocato dopo un anno, ma che bisogna prepararsi a tutti gli scenari", ha sottolineato la ministra.

La revoca o l’estensione dello statuto di protezione dipende esclusivamente dagli sviluppi della situazione in Ucraina sul fronte della sicurezza, ha precisato la consigliera federale. In ogni caso, la Svizzera si coordinerà con altri gli Stati dell’area Schengen. "È inimmaginabile pensare che la Svizzera agisca da sola", ha aggiunto Keller-Sutter.

La ministra di Giustizia e polizia si è poi detta consapevole della contraddizione esistente tra l’integrazione professionale dei rifugiati e la loro preparazione al ritorno in patria, che prima o poi avverrà. "L’Ucraina vuole che queste persone tornino un giorno, ci sono molti bambini tra loro, sono il futuro", ha concluso la consigliera federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
8 ore
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
8 ore
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved