laRegione
22.08.22 - 14:46

Insulti a Berset, l’accusato si oppone: si andrà a processo

L’uomo aveva pubblicato offese sui social. Nonostante non abbia inoltrato il ricorso in tempo per un disguido, è stata valutata la volontà di ricorrere

Ats, a cura di Red.Web
insulti-a-berset-l-accusato-si-oppone-si-andra-a-processo
Keystone

Anche se, per vari inconvenienti, un imputato non ha spiegato le sue intenzioni al momento opportuno, la Procura federale dovrà trattare il suo ricorso contro un decreto penale che lo puniva per minacce alle autorità e istigazione alla violenza: aveva pubblicato su Facebook insulti contro Alain Berset. Il suo agire indica che la volontà fosse di portare il suo caso davanti ad un tribunale, spiega una decisione pubblicata oggi dalla Corte d’appello del Tribunale penale federale (TPF).

Alla metà di giugno del 2021 il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) aveva condannato l’uomo per violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari, nonché per pubblica istigazione a un crimine o alla violenza. Il decreto d’accusa prevedeva una pena pecuniaria con la condizionale di 150 aliquote giornaliere da 30 franchi l’una, nonché una multa di 900 franchi. L’uomo ha fatto opposizione spiegando che il suo post era di carattere satirico. Inoltre ha affermato di non aver mai avuto intenzione di attaccare fisicamente il consigliere federale.

L’MPC aveva predisposto un avvocato difensore d’ufficio per la deposizione dell’imputato prevista per luglio 2021, ma l’interessato non ne era stato informato. Egli stesso aveva contattato un avvocato, il quale però non poteva partecipare il giorno della deposizione. Il legale aveva chiesto al suo cliente di inviargli l’atto di accusa e il decreto penale per posta elettronica, in modo da provvedere a spostare l’appuntamento. Per ragioni ignote, l’e-mail era rimasta nella cartella "Bozze" e i tentativi dell’avvocato di contattare il suo cliente erano stati vani. Di conseguenza, il difensore non aveva richiesto un’altra data. Visto che l’imputato, senza fornire scusanti, non si era presentato alla convocazione dell’MPC, quest’ultimo aveva dedotto che ritirasse l’opposizione al decreto d’accusa.

È la volontà dell’accusato che conta

Secondo la giurisprudenza, se una persona non si presenta a un’udienza senza giustificarsi si può presumere che abbia rinunciato al ricorso. Tuttavia – sottolinea oggi il TPF – questo ordine di idee deve essere applicato in modo molto restrittivo.

Nella procedura che regola i decreti penali la volontà della persona interessata è di importanza capitale per stabilire se intende portare il caso in tribunale, nota la Corte federale con sede a Bellinzona. Perciò occorre valutare il comportamento complessivo dell’imputato.

E nel caso specifico l’accusato ha mostrato la sua volontà di mantenere l’opposizione, organizzando la difesa con un proprio avvocato e cercando di inviare l’e-mail. È vero che è stato negligente nel non controllare la posta elettronica e nel non preoccuparsi di contattare il suo legale. Tuttavia, tutto ciò non è sufficiente per supporre che volesse ritirare il suo ricorso, concludono i giudici di Bellinzona.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
28 min
Secondo tunnel del San Gottardo: potenziale presenza di amianto
Nel frattempo sono state prese misure per proteggere i lavoratori e la popolazione, ha indicato oggi l’Ufficio federale delle strade
Svizzera
1 ora
Svizzera romanda in ‘bianco’, ecco le prime nevicate in pianura
Secondo MeteoNews, fino a domenica sono previsti tra i 5 e i 15 centimetri di neve in pianura e tra i 10 e i 50 centimetri in montagna
Svizzera
16 ore
Regolazione del lupo, Regazzi: ‘Era ora’, Gysin: ‘Andati oltre’
La modifica della legge federale sulla caccia permetterà ‘abbattimenti preventivi’. A Palazzo federale un dibattito acceso e opinioni agli antipodi
Svizzera
17 ore
Baume-Schneider, Rösti: l’en plein delle Franches-Montagnes
La regione della consigliera federale eletta esce due volte vincitrice. La ‘Question jurassienne’? Il bernese dice che lui l’aveva già chiusa
Svizzera
19 ore
Ebs, tutte le chiavi di una sorprendente elezione
Simpatica, gradita ai contadini, funzionale agli svizzero-tedeschi con gli occhi puntati sul seggio di Alain Berset. L’analisi, col politologo Georg Lutz
Svizzera
1 gior
Governo: ‘Bel regalo’ o ‘brutta sorpresa’, stampa divisa
La nomina di chi ha preso il posto di Simonetta Sommaruga fa discutere: i pro e i contro del mondo del giornalismo
Svizzera
1 gior
Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi
Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
1 gior
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
1 gior
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
1 gior
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
© Regiopress, All rights reserved