laRegione
20.08.22 - 13:52

La Strategia energetica 2050? ‘Un fallimento’

Albert Rösti non le manda a dire. Secondo il consigliere nazionale bernese la Svizzera si sta sabotando con le proprie mani

Ats, a cura di Red.Web
la-strategia-energetica-2050-un-fallimento
Keystone
Albert Rösti

Il divieto di costruire centrali nucleari in Svizzera va abolito. Lo ha detto oggi durante l’assemblea dei delegati del suo partito il consigliere nazionale bernese dell’Udc Albert Rösti, secondo cui la Svizzera si sta sabotando con le proprie mani.

"Quanto deve essere stupido un popolo per segare il ramo su cui è seduto", è stata la chiara metafora usata da Rösti riferendosi alla chiusura dell’impianto atomico di Mühleberg (Be). L’ex presidente del partito non ha esitato a definire un fallimento la Strategia energetica 2050.

La Svizzera sta diventando un Paese povero che torna alla luce delle candele, ha poi aggiunto Rösti. A breve termine sono necessarie importazioni di gas liquido e appelli al risparmio di energia, si è detto convinto.

A medio termine invece, andrebbero costruiti impianti di stoccaggio e altri per l’energia solare, mentre le centrali atomiche andrebbero mantenute in funzione il più a lungo possibile. Sul lungo periodo poi, il divieto di utilizzare l’energia nucleare previsto dalla legge va eliminato, ha ribadito Rösti.

Una richiesta quest’ultima sostenuta pure da Stefan Brupbacher, direttore di Swissmem. Il numero uno dell’associazione dell’industria metalmeccanica ha poi a sua volta chiesto un vero e proprio "movimento per il risparmio energetico".

"Questo movimento deve includere tutti, da Roger Federer ai datori di lavoro", ha affermato Brupbacher. In tal modo, si preserverebbe quella parte di energia necessaria per impedire interruzioni di corrente.

Ciò è stato confermato anche dall’ospite di giornata, il consigliere nazionale Roger Nordmann (Ps/Vd), che Rösti ha presentato come "il più intelligente del suo partito in ambito di politica energetica". Le chiusure d’emergenza dovrebbero essere evitate a ogni costo e le persone colpite andrebbero indennizzate in caso di interruzione temporanea della produzione, ha detto il capogruppo dei socialisti alle Camere federali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
cyberpornografia
5 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
6 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
6 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
8 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
11 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
11 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
15 ore
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
1 gior
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
1 gior
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
1 gior
Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat
Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
© Regiopress, All rights reserved