laRegione
19.08.22 - 14:12
Aggiornamento: 19:37

La Legge sugli embarghi non va modificata

È il parere della Commissione per la sicurezza del Consiglio degli Stati, che propone di respingere la riforma approvata dal Nazionale

Ats, a cura di Red.Web
la-legge-sugli-embarghi-non-va-modificata
Keystone
Lasciamola così com’è

La possibilità di imporre sanzioni autonome alle persone colpevoli di gravi violazioni del diritto umanitario o dei diritti umani comporterebbe un drastico cambiamento nella politica di sanzioni svizzera e porrebbe problemi in termini di Stato di diritto e neutralità. Con questi argomenti, la Commissione per la politica di sicurezza del Consiglio degli Stati (Cps-S) ha proposto all’unanimità di respingere una modifica della Legge sugli embarghi, approvata dal Nazionale in giugno.

Attualmente, la Svizzera può riprendere solo le sanzioni decise dall’Onu, dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) o dai suoi principali partner economici. Se vuole andare oltre, il Consiglio federale deve affidarsi alla Costituzione. Le ordinanze emesse sono limitate a quattro anni e possono essere prorogate una sola volta: decadono se non viene presentato un progetto di base giuridica sei mesi dopo l’entrata in vigore della proroga.

Il Consiglio federale ha proposto una riforma che gli consentirebbe di adottare autonomamente misure, se l’interesse del Paese lo richiedesse. Questo non solo per gli Stati, ma anche per individui e aziende. Il Consiglio nazionale si è spinto oltre, chiedendo sanzioni contro persone o entità coinvolte in violazioni del diritto internazionale umanitario o dei diritti umani o in qualsiasi altra forma di atrocità.

La commissione degli Stati ritiene questa proposta eccessiva. L’attuale politica di sanzioni ha dimostrato la sua validità e sanzioni autonome da parte della Svizzera avrebbero solo un effetto simbolico, afferma. Inoltre la nuova disposizione contiene criteri troppo vaghi e la sua attuazione sarebbe molto problematica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
8 ore
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
8 ore
‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’
Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
8 ore
In dogana con un ghepardo imbalsamato
Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
8 ore
Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali
A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
9 ore
Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà
È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
Svizzera
10 ore
Operaio travolto dal treno nella notte a Rickenbach
Nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo, un 34enne serbo, è deceduto sul posto. Ancora da chiarire le cause esatte dell’incidente
Svizzera
10 ore
Cure ambulatoriali e ospedaliere finanziate su base unitaria
Il Consiglio degli Stati approva la riforma di legge sull’assicurazione malattie. Sulla quale ora dovrà esprimersi il Nazionale
Svizzera
11 ore
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
12 ore
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
© Regiopress, All rights reserved