laRegione
19.08.22 - 07:21
Aggiornamento: 20:01

Votazioni federali, maggioranza a favore della riforma Avs

Verso due chiari ‘sì’ (meno scontato per l’imposta preventiva) e uno più risicato per lo stop all’allevamento intensivo

Ats, a cura di Red.Web
votazioni-federali-maggioranza-a-favore-della-riforma-avs
Ti-Press
Il momento della verità il 25 settembre

Se si fosse votato l’8 agosto, i due progetti di riforma dell’Avs e l’iniziativa contro l’allevamento intensivo sarebbero stati adottati. La legge sull’imposta preventiva ottiene solo una maggioranza relativa, stando al primo sondaggio di gfs.bern/Sssr.

In base all’inchiesta realizzata dall’istituto gfs.bern, il 64% degli intervistati avrebbe votato a favore di Avs 21, che prevede l’aumento dell’età pensionabile delle donne a 65 anni, mentre il 33% sarebbe contrario. La quota di indecisi è del 3%. Un quadro simile emerge per l’aumento dell’imposta sul valore aggiunto a favore dell’Avs: il 65% è per il sì, il 29% per il no, il 6% non ha ancora deciso. Le due proposte sono collegate tra loro: se una viene bocciata, l’intera riforma dell’Avs fallisce.

A stretta maggioranza Verdi favorevoli ad Avs 21

La polarizzazione partitica è chiaramente visibile per Avs 21 dato che la maggioranza degli elettori si attiene alla posizione del proprio partito, precisano gli autori del sondaggio. Fanno eccezione i Verdi, che al 51% risultano favorevoli al progetto, malgrado la parola d’ordine contraria del partito. Nel Ps, come previsto, il 51% dei sostenitori si è espresso contro la proposta di modifica della legge. Fra gli elettori di Verdi liberali, Centro, Plr e Udc vi è una chiara maggioranza a favore di Avs 21. Tra la base del Plr, la quota di sì è addirittura dell’83%, tra i Verdi liberali dell’80%. I favorevoli sono nettamente in maggioranza pure nel Centro e nell’Udc (rispettivamente con il 77 e il 69%). Anche tra coloro che non sono affiliati a un partito, i favorevoli predominano con il 57%.

Come in un precedente sondaggio dell’editore Tamedia, anche quello commissionato dalla Società svizzera di radiotelevisione (Ssr) mostra una chiara differenza di genere: il 74% degli uomini è favorevole ad Avs 21, contro il 52% delle donne. Con il 69% di sì, il sostegno nella Svizzera tedesca è superiore rispetto alla Romandia (49%) e alla Svizzera italiana (50%).

La maggioranza dei sostenitori di tutti i partiti – compresi quelli del Ps e dei Verdi – è favorevole all’aumento dell’Iva. Tuttavia, è prevedibile che il sostegno alla riforma tra i partiti di sinistra diminuisca nel corso della campagna, secondo gfs.bern. Con il 56%, la base Udc ha la percentuale più bassa di sostenitori al finanziamento aggiuntivo dell’Avs.

Divario di genere sull’allevamento intensivo

Il 51% degli intervistati si è dichiarato a favore dell’iniziativa ‘No all’allevamento intensivo in Svizzera’. I contrari sono il 46% e il 3% è ancora indeciso. La più alta percentuale di sì si riscontra nella Svizzera italiana: 61% contro 51% in Romandia e 50% nella Svizzera tedesca.

Esiste anche una chiara divisione di genere su questo oggetto: il 60% delle donne intervistate ha dichiarato che voterebbe a favore dell’iniziativa, contro solo il 41% degli uomini. Secondo il sondaggio, anche il divario città-campagna è relativamente forte: nei grandi agglomerati urbani, il 57% vuole votare a favore, nelle aree rurali solo il 40%. Negli agglomerati di piccole e medie dimensioni, il sondaggio mostra una stretta maggioranza di sì (52%).

Per quanto riguarda i partiti, l’iniziativa ottiene una netta maggioranza, rispettivamente dell’87 e del 77%, tra i sostenitori dei Verdi e del Ps. Tra la base dei Verdi liberali, il 63% è per il sì, come pure il 54% dei senza partito. Contrari invece i sostenitori dell’Udc, del Plr e del Centro.

Resta ancora molto da fare sulla ritenuta d’acconto

Il 49% degli intervistati si esprime a favore della legge sull’imposta preventiva, il 35% contro e il 16% è indeciso. All’inizio di agosto, la maggioranza dei sostenitori del Ps e dei Verdi avrebbe respinto la norma, rispettivamente con il 54 e il 51% di voti. Fra gli elettori degli altri partiti la proposta avrebbe trovato invece almeno una maggioranza relativa. Il sondaggio mostra la più alta approvazione tra la base del Plr con il 73% di favorevoli.

Più alto è il reddito, più alta è l’approvazione per la modifica della legge, come spiega ancora gfs.bern. L’istituto ha sottolineato che il livello di formazione delle opinioni è ancora basso e le intenzioni di voto possono cambiare.

Per il sondaggio, gfs.bern ha intervistato 12’015 elettori tra il 29 luglio e il 15 agosto. Il margine di errore statistico è di 2,8 punti percentuali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
4 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
5 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
5 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
20 ore
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
20 ore
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
21 ore
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
21 ore
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved