laRegione
18.08.22 - 19:31
Aggiornamento: 23:03

In azione la prima fresa nella seconda canna del Gottardo

La cosiddetta ‘fresatrice meccanica a sezione piena’ scaverà nei prossimi mesi il cunicolo di accesso verso la zona di faglia settentrionale

in-azione-la-prima-fresa-nella-seconda-canna-del-gottardo
Keystone

A Göschenen (UR) è entrata in azione oggi la prima fresatrice per la realizzazione della seconda galleria autostradale sotto il San Gottardo. Per scavare i 16,9 chilometri di tunnel saranno necessari altri tre macchinari dello stesso tipo.

La cosiddetta "fresatrice meccanica a sezione piena" scaverà nei prossimi mesi il cunicolo di accesso verso la zona di faglia settentrionale, scrive oggi in una nota l’Ufficio federale delle strade (Ustra). Una macchina identica sarà utilizzata anche da sud. Le due fresatrici sono lunghe 200 metri e hanno un diametro di sette metri.

I lavori di preparazione del cantiere sono durati quasi due anni e negli ultimi mesi è stata montata la fresatrice. Per l’avanzamento principale all’interno del secondo tunnel saranno utilizzate due grandi frese di 12,3 metri di diametro che opereranno da nord e da sud a partire dal 2024.

La seconda canna del Gottardo viene realizzata 70 metri a est di quella esistente e sarà collegata al cunicolo di servizio. Gli scavi produrranno 7,4 milioni di tonnellate di materiale.

L’apertura al traffico del nuovo tunnel da 2,14 miliardi di franchi è prevista per la fine del 2029. In seguito, la prima galleria, aperta nel 1980, sarà chiusa e ristrutturata per tre anni, con il traffico che in seguito circolerà in ogni galleria in un’unica direzione e su una sola corsia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
4 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
4 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
5 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
20 ore
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
20 ore
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
20 ore
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
21 ore
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved