laRegione
16.08.22 - 12:04
Aggiornamento: 16:37

Calcio amatoriale e fair-play, le donne esempio per gli uomini

Nel calcio femminile i cartellini gialli sono otto volte meno e i rossi una rarità, e accadono molti meno infortuni rispetto ai tornei maschili

Ats, a cura di Red.Web
calcio-amatoriale-e-fair-play-le-donne-esempio-per-gli-uomini
Foto: SUVA

Nel calcio amatoriale maschile (prima e seconda lega) il gioco è sempre più duro e il fair play lascia alquanto a desiderare. In ogni gara di campionato fioccano i cartellini gialli (quattro in media) e in una partita su quattro l’arbitro deve estrarre anche un cartellino rosso. La situazione è ben diversa nel calcio femminile, dove i gialli sono otto volte inferiori e i rossi una rarità. È quanto emerge da un’analisi dell’Istituto nazionale di assicurazione contro gli infortuni (Suva) e dall’Associazione svizzera di football (ASF).

Ogni anno la Suva e l’ASF consegnano il "Trofeo Fair Play" alla società più corretta in campo, si legge in una nota odierna. In Ticino, la classifica dell’ultima stagione vede l’Fc Lugano femminile al primo posto, davanti all’Fc Riviera e all’Ac Taverne.

Il motivo del comportamento di gran lunga più corretto delle squadre femminili rispetto a quelle maschili viene spiegato da Martina Moser, ex nazionale rossocrociata dell’Fc Zurigo e ora team manager della squadra maschile Fcz: "Le donne sanno valutare meglio le probabilità di riuscire a impossessarsi della palla e cercano di giocare di anticipo, anche per evitare duelli diretti che sono pertanto ridotti al minimo".

Dall’analisi effettuata risulta che a giocare duro sono soprattutto gli uomini della prima Lega (Promotion League e Prima Lega) e della seconda (Seconda Lega Interregionale e Seconda Lega). Le infrazioni più frequenti sono quelle commesse con imprudenza, i falli gravi e quelli che interrompono una promettente azione di attacco ovvero quando all’avversario viene negata un’evidente opportunità di segnare una rete. I giocatori delle leghe amatoriali hanno tra i 16 e i 44 anni. In questa fascia di età gli assicuratori registrano ogni anno circa 40’500 infortuni, ovvero il 90% degli infortuni calcistici totali, precisa la Suva nella nota.

Rischiare di farsi male giocando scorrettamente non vale assolutamente la pena, secondo la Moser: "I comportamenti antisportivi mettono a repentaglio non solo la salute di chi li adotta, ma anche quella degli avversari".

Oltre a provocare notevoli sofferenze alle persone colpite, gli infortuni nel calcio generano ogni anno oltre 200 milioni di franchi di costi agli assicuratori infortuni. Chi gioca quindi con fair play vince due volte, sottolinea la Suva, per la quale solo una vittoria senza infortuni è una vittoria meritata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 min
Il mercato del lavoro ha raggiunto il suo picco
Dopo mesi di forte crescita (+15% da inizio anno), le offerte di impiego sembrano essersi arrestate: 1% nell’ultimo trimestre
Svizzera
14 ore
Impennata di casi di coronavirus
Sono 25’134 nell’ultima settimana, con 13 morti e 290 ricoverati. Una settimana fa erano il 50 per cento in meno
le mosse nell’udc
16 ore
Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer
È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
19 ore
Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi
Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
Svizzera
20 ore
Riuscita l’iniziativa per l’imposizione individuale dei coniugi
I promotori chiedono una tassazione separata allo stesso modo dei conviventi. Ma è già allo studio il progetto del Consiglio federale
Svizzera
20 ore
A sciare in elicottero: e scatta il ‘Sasso del Diavolo’
Il premio per il trasporto più insensato va all’offerta ‘Heliski’ di Swiss Helicopter. I più virtuosi? Un’azienda che produce case sostenibili in legno
Svizzera
20 ore
La distrazione al volante fa 60 morti e 1’100 feriti ogni anno
L’uso del telefono è la principale causa di disattenzione alla guida fra i giovani. L’Ufficio prevenzione infortuni lancia una campagna
Svizzera
20 ore
Fornitura di gas, se la solidarietà fra vicini (forse) non c’è
La Svizzera non sarebbe un partner interessante per la Germania, poiché non dispone di riserve sul proprio territorio
Svizzera
22 ore
Se la coda in autostrada fa perdere tempo e... soldi
Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
1 gior
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
© Regiopress, All rights reserved