laRegione
16.08.22 - 08:32
Aggiornamento: 16:41

Gruppo farmaceutico nel mirino della Comco

C’è il sospetto che l’azienda si sia rifiutata di fornire prodotti a un grossista elvetico alle stesse condizioni praticate all’estero

Ats, a cura di Red.Web
gruppo-farmaceutico-nel-mirino-della-comco
Keystone
Il presidente della Comco, Andreas Heinemann

La Commissione della concorrenza (Comco) sospetta una società farmaceutica internazionale operante in Svizzera di aver violato la legge sui cartelli (LCart). L’azienda si sarebbe rifiutata di fornire prodotti a un grossista elvetico alle stesse condizioni che aveva precedentemente concordato altrove all’estero.

L’indagine riguarda prodotti alimentari somministrati per via orale e per sondino, indica oggi la Comco in un comunicato. L’azienda, la cui ragione sociale non viene indicata, potrebbe aver abusato della sua posizione, impedendo al grossista svizzero di ottenere i prodotti alle condizioni vigenti all’estero.

La Comco deve anche determinare se l’azienda abbia una "posizione dominante relativa", che descrive una situazione in cui non esiste una possibilità sufficiente o ragionevole di ottenere un prodotto da fonti alternative.

Queste nuove disposizioni della LCart hanno lo scopo di contrastare i prezzi elevati in Svizzera e sono frutto dell’iniziativa popolare ‘Stop all’isola dei prezzi elevati – per prezzi equi (Iniziativa per prezzi equi)’, ritirata l’anno scorso a favore di un controprogetto indiretto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
20 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
22 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
23 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
2 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
2 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved