laRegione
12.08.22 - 15:41
Aggiornamento: 16:57

Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’

Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti

Ats, a cura di Red.Web
unia-divario-salariale-aumenta-occorre-intervenire
Keystone

Il divario salariale si è nuovamente ampliato l’anno scorso, a causa della stagnazione degli stipendi bassi e dell’aumento di quelli dei dirigenti. Lo rileva oggi Unia, chiedendo un aumento generale delle retribuzioni.

In media, per le 43 grandi aziende svizzere, nel 2021 il salario più alto era 141 volte superiore a quello più basso, sottolinea il sindacato in una nota odierna, ricordando che l’anno precedente era ancora di 1 a 136. In passato il rapporto è però già stato superiore all’1 a 140, come ad esempio nel 2017 (1 a 143).

Il sindacato denuncia la disparità maggiore presso Roche, dove il dipendente meno pagato dovrebbe lavorare per 307 anni per guadagnare lo stipendio annuale del CEO Severin Schwan.

Nell’esercizio 2021, 40 società hanno distribuito dividendi per circa 42 miliardi di franchi. Gli azionisti hanno inoltre beneficiato di riacquisti di azioni per 40 miliardi di franchi, ciò che corrisponde a un aumento del 56% rispetto all’anno precedente.

"L’argomentazione secondo cui le aziende non potrebbero permettersi aumenti salariali generalizzati appare poco credibile alla luce degli 82 miliardi di franchi distribuiti agli azionisti", scrive Unia. Allo stesso tempo, alcune aziende redditizie hanno addirittura licenziato personale, denuncia il sindacato.

Nella metà delle aziende analizzate, secondo Unia gli stipendi più bassi erano inferiori a 50’712 franchi all’anno, cioè al di sotto della soglia dei salari bassi. Ciò riflette una tendenza generale in Svizzera, dove i salari reali del 10% più modesto sono aumentati solo dello 0,5% tra il 2016 e il 2020, mentre quelli del 10% più elevato sono cresciuti del 4%, prosegue Unia, rilevando che gli stipendi dei top manager sono addirittura aumentati del 12%.

Secondo il sindacato, gli aumenti generalizzati sono, a breve termine, il modo più efficace per ridurre le disparità. Sono ancora più urgenti alla luce delle minacce al potere d’acquisto poste dall’alta inflazione e dal probabile forte aumento dei premi delle casse malattia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
17 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
18 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
19 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
19 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 gior
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
1 gior
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
1 gior
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved