laRegione
12.08.22 - 13:05
Aggiornamento: 17:11

Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto

Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.

Ats, a cura di Red.Web
poca-acqua-nel-reno-il-costo-della-benzina-resta-alto

I prezzi del petrolio si trovano al livello più basso dall’inizio del conflitto in Ucraina, ma in Svizzera la benzina costa ancora cara. Questo è dovuto in particolare al basso livello delle acque del Reno.

Un barile (159 litri) di Brent del Mare del Nord era scambiato questa mattina a 99,12 dollari, una cifra pari ai livelli pre crisi. In precedenza era salito fino a 133 dollari. Nonostante l’assestamento, gli automobilisti elvetici devono ancora spendere nettamente più di due franchi al litro per la benzina.

Secondo il Canton Basilea Città, un anno fa il livello del Reno si attestava a 700 centimetri, mentre oggi si è a 500 centimetri, ovvero due metri in meno.

In media il trasporto costa dieci volte di più

Questo porta le navi a poter trasportare solamente un quarto delle merci, con un conseguente aumento dei costi di trasporto: da Rotterdam a Basilea si è passati da 20/30 franchi a tonnellata a 260 franchi. In pratica i prezzi sono decuplicati rispetto alla norma, fatto che pesa sul costo della benzina.

Minore disponibilità di navi

A influenzare sul prezzo sono poi anche la minore disponibilità di navi – utilizzate ad esempio al momento in Germania per il trasporto di carbone – e le capacità giunte al limite delle raffinerie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
17 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
18 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
18 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
19 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 gior
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
1 gior
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
1 gior
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved