laRegione
11.08.22 - 14:30
Aggiornamento: 17:42

Mosca: ‘La Svizzera non può rappresentare Kiev’

Secondo la Russia la Confederazione ha smesso di essere neutrale aderendo alle sanzioni

Ats, a cura di Red.Web
mosca-la-svizzera-non-puo-rappresentare-kiev
archivio Keystone

Mosca respinge la possibilità che sia la Svizzera a rappresentare gli interessi diplomatici ucraini in Russia. Secondo Mosca, la Confederazione ha perso lo status di Paese neutrale scegliendo di aderire alle sanzioni occidentali contro la Russia.

"Abbiamo chiarito che sfortunatamente la Svizzera ha perso la sua neutralità e non può agire come mediatore o rappresentante di interessi", ha detto oggi il viceportavoce del Ministero degli esteri russo, Ivan Nechayev, citato dall’agenzia stampa Tass.

"Il fatto che Berna abbia suggerito colloqui con Kiev per la mutua rappresentanza pur conoscendo la nostra posizione conferma quanto non abbia a cuore gli interessi russi. Ciò non fa che rafforzare la nostra posizione che il ruolo svizzero di mediatore o rappresentante sia fuori questione", ha aggiunto il portavoce. Secondo Nechayev, non solo Berna appoggia il "regime" di Kiev, ma partecipa anche alla campagna "russofobica" lanciata dall’Occidente e dall’Ucraina.

Un portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), Pierre-Alain Eltschinger, aveva detto ieri alla Tass che Berna era pronta ad accogliere la richiesta di Kiev per rappresentare gli interessi ucraini in Russia, dopo la rottura dei rapporti diplomatici seguita all’invasione del 24 febbraio.

Come Paese neutrale, la Svizzera ha assunto più volte il "mandato di potenza protettrice" rappresentando gli interessi di altre nazioni, nel quadro di rottura o assenza di rapporti diplomatici. Attualmente la Svizzera rappresenta gli interessi americani in Iran e gli interessi iraniani in Canada e Arabia Saudita. Inoltre rappresenta gli interessi russi in Georgia e viceversa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
8 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
9 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
© Regiopress, All rights reserved