laRegione
08.08.22 - 11:42
Aggiornamento: 14:56

Travail.Suisse esige aumenti salariali fra il 3 e il 5%

L’organizzazione sindacale chiede l’incremento per compensare l’attuale forte aumento del costo della vita e gli incrementi di produttività delle aziende

Ats, a cura di Red.Web
travail-suisse-esige-aumenti-salariali-fra-il-3-e-il-5
Ti-Press

Travail.Suisse esige aumenti generalizzati dei salari tra il 3 e il 5% per tutti i lavoratori il prossimo anno. L’incremento deve compensare l’attuale forte aumento del costo della vita e gli incrementi di produttività delle aziende.

"La situazione economica è attualmente molto buona per l’economia", ha dichiarato Thomas Bauer, responsabile della politica economica di Travail.Suisse, in una conferenza stampa oggi a Berna. Nonostante la difficile situazione politica globale, l’economia svizzera procede a pieno ritmo. I dipendenti, invece, al momento non traggono grandi benefici.

Vedono aumentare il costo della vita e sono sempre più stressati. "Questa situazione deve cambiare urgentemente", ha insistito Bauer, chiedendo aumenti salariali "sostanziali" per consentire ai lavoratori di beneficiare del trend positivo.

Almeno 3% di aumento

La centrale sindacale esige un incremento salariale di almeno il 3%. Ciò garantirebbe il potere d’acquisto dei lavoratori a fronte di un aumento dei prezzi al consumo stimato al 2,8% per l’intero anno. Si prevede inoltre un netto aumento dei premi di cassa malattia.

Per Bauer, "la compensazione dell’inflazione non è negoziabile". È solo "il limite inferiore delle richieste salariali". Travail.Suisse chiede aumenti tra il 3 e il 5%, a seconda del settore, per consentire ai dipendenti di beneficiare degli aumenti di produttività delle aziende.

"Tutti i lavoratori dovrebbero ricevere la giusta parte dei frutti della crescita", visto che lavorano "al massimo delle loro capacità", ha aggiunto Johann Tscherrig, membro del comitato esecutivo di Syna.

Oltre alla compensazione del rincaro, il sindacato vuole un aumento dei salari reali di 200 franchi nel settore delle costruzioni, del 2,5% nell’industria chimica e farmaceutica e del 2% nel settore del commercio al dettaglio, dove è necessario un "chiaro recupero salariale".

Settore sanitario

Transfair ritiene che anche la pubblica amministrazione debba recuperare le "prestazioni straordinarie" dei due anni di pandemia. Il sindacato si oppone alle richieste delle FFS e di FFS Cargo di ridurre il salario netto dei dipendenti per compensare le perdite causate dal coronavirus e agli impegni di risparmio presi con la Confederazione a questo proposito.

Inoltre, Travail.Suisse ritiene che siano necessari miglioramenti strutturali in alcuni settori come quello sanitario, con aumenti salariali superiori al 5%. Syna sottolinea che il settore sanitario è ancora sotto pressione a causa della mancanza di personale qualificato, del sovraccarico di lavoro, dei lunghi orari di lavoro e dei salari "strutturalmente troppo bassi".

Oltre alla compensazione dell’inflazione, il sindacato chiede un aumento generalizzato dei salari del 5% per questo settore. Allo stesso tempo, i politici sono chiamati ad attuare l’iniziativa per gli infermieri adottata lo scorso novembre, con un miglioramento "sostenibile" della formazione continua e delle condizioni di lavoro.

Misure per i lavoratori a basso salario

Travail.Suisse ha ricordato il piano di misure per alleggerire il peso dell’inflazione sui salari bassi e le pensioni ridotte, presentato in giugno. In particolare, chiede aumenti salariali strutturali a beneficio dei lavoratori meno abbienti.

Vuole anche porre fine alla nozione di "salario femminile" in "settori femminili" che "giustificano" la discriminazione delle lavoratrici. Lo stesso vale per l’"eccezione ticinese". Un lavoratore su quattro in Ticino è a basso salario, ma questo non si giustifica con il costo della vita secondo alcuni studi, ricorda il sindacato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
5 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
5 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
6 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
20 ore
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
21 ore
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
21 ore
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
21 ore
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved