laRegione
08.08.22 - 11:13
Aggiornamento: 18:24

Il futuro sistema di voto online alla prova degli hacker etici

La Posta ha chiesto di effettuare dei test di intrusione pubblici per scovare falle sul sistema che dal 2023 dovrebbe essere a disposizione dei Cantoni

il-futuro-sistema-di-voto-online-alla-prova-degli-hacker-etici
Keystone

Il progetto di impiego in Svizzera del sistema di voto online, curato da La Posta, fa passi avanti. Dopo le prime verifiche sulla versione beta, sottoposta sia dal Gigante giallo sia dalla Confederazione all’esame di esperti provenienti da tutto il mondo allo scopo di verificare le falle di sicurezza, adesso vengono ampliate le possibilità di verifica, per offrire un sistema sicuro e affidabile. Ai test già in corso, infatti, si aggiungerà l’opera degli hacker etici di tutto il mondo, a cui La Posta chiede per la prima volta di effettuare test di intrusione pubblici sulla cosiddetta infrastruttura di voto che i Cantoni si troveranno a utilizzare. Per tali test, la Posta ha messo a disposizione certificati elettorali facsimile con cui gli hacker potranno simulare fedelmente il processo di votazione sul portale, attaccando il sistema in modo mirato.

Un altro passo verso l’impiego del sistema di voto online

Il test di intrusione durerà quattro settimane, dall’8 agosto al 2 settembre 2022. La Posta ricompenserà la scoperta di vulnerabilità confermate nell’ambito del test con fino a 30’000 franchi. Gli aggiornamenti sui risultati confermati saranno pubblicati sulla piattaforma specializzata GitLab.

Attraverso il test di intrusione, la Posta mira a individuare ed eliminare potenziali vulnerabilità, migliorando l’infrastruttura per il voto online in modo da poter offrire ai Cantoni un sistema di voto elettronico sicuro di ultima generazione. Il test di intrusione pubblico soddisfa anche un requisito della Confederazione per il progetto pilota relativo al voto elettronico e rappresenta un altro passo avanti verso un sistema di voto online sicuro e affidabile: la Posta prevede di poterlo mettere a disposizione dei primi Cantoni interessati nel corso del 2023.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
5 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
5 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
6 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
20 ore
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
21 ore
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
21 ore
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
21 ore
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved