laRegione
29.07.22 - 15:16

Cassis a New York per il Trattato di non proliferazione

Martedì il presidente della Confederazione volerà oltre Atlantico. Dall’incontro la Svizzera si attende concreti progressi verso il disarmo

Ats, a cura di Red.Web
cassis-a-new-york-per-il-trattato-di-non-proliferazione
Keystone
Dopo i festeggiamenti del Natale della patria, direzione New York

Martedì, 2 agosto, il presidente della Confederazione Ignazio Cassis parteciperà a New York a una riunione sulla revisione del Trattato di non proliferazione nucleare (Tnp). La Svizzera si attende passi concreti verso il disarmo.

Ogni cinque anni i 191 Stati firmatari si riuniscono per verificare l’attuazione e il rispetto del Tnp, che "costituisce la base per il disarmo nucleare a livello mondiale", spiega in un comunicato il Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), precisando che quest’anno gli Stati si riuniranno dal primo al 26 agosto.

Attualmente il disarmo degli arsenali nucleari risulta difficile ed è in stallo. Inoltre, il contesto internazionale è reso ancora più complicato dall’aggressione militare della Russia nei confronti dell’Ucraina.

"La Svizzera intende svolgere un ruolo di costruttore di ponti, promuovere un dialogo costruttivo, elaborare regole chiare e contribuire a sviluppare strumenti innovativi per il disarmo", indicano i servizi di Cassis, secondo cui la Confederazione mira a ottenere "risultati concreti".

La conclusione del Tnp è avvenuta nel 1968 sulla scia della corsa agli armamenti tra le superpotenze dopo la Seconda guerra mondiale, e del rischio concreto di escalation nucleare durante la crisi dei missili di Cuba nell’ottobre del 1962. Si fonda su tre pilastri: il divieto per le cinque potenze nucleari ufficiali – Stati Uniti, Russia, Cina, Regno Unito e Francia – di trasferire armi nucleari, e per gli altri Stati firmatari di sviluppare, produrre o procurarsi questo tipo di armi; lo smantellamento degli arsenali atomici esistenti (le 5 nazioni coinvolte sarebbero ancora dotate di 13’000 armi del genere) e infine il diritto all’uso pacifico dell’energia nucleare per tutti gli Stati firmatari, ricorda il Dfae.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi
Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
16 ore
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
17 ore
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
17 ore
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
Svizzera
18 ore
Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera
Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
19 ore
Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto
L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
Svizzera
20 ore
Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023
Per il socialista friborghese un’elezione non brillante: 140 voti per lui. Succederà a Ignazio Cassis
Svizzera
21 ore
Buste paga più pesanti per i dipendenti della Roche
Il ritocco al salario (del 2,3%), che diventerà effettivo dal 1° aprile, interesserà 14’200 dipendenti
Svizzera
22 ore
Abbattuto il maschio dominante del branco del Beverin
La sua uccisione risale all’8 novembre. Dieci giorni dopo il resto del branco si è messo in movimento
Svizzera
22 ore
La strada del Maloja sarà resa più sicura
Previsto un nuovo sistema di informazione. Il sistema pilota informerà gli utenti sulle possibili chiusure
© Regiopress, All rights reserved