laRegione
27.07.22 - 12:02
Aggiornamento: 15:38

Maudet, respinto il ricorso sulla sospensione dal dipartimento

Da una perizia erano emersi ‘fatti gravi’ riguardo a problemi organizzativi, manageriali e relazionali

Ats, a cura di Red.Web
maudet-respinto-il-ricorso-sulla-sospensione-dal-dipartimento
Keystone

Il Tribunale federale (Tf) respinge un ricorso di Pierre Maudet contro la sua sospensione dalla direzione del Dipartimento dello sviluppo economico decisa a fine ottobre 2020 dal Consiglio di Stato ginevrino. I giudici di Mon Repos seguono la Corte di giustizia cantonale, che aveva ritenuto che egli non avesse alcun interesse attuale a impugnare questa misura dopo aver perso le elezioni suppletive del marzo 2021.

Nella primavera del 2020, l’Ufficio del personale dello Stato aveva commissionato una perizia dopo aver notato un aumento dell’assenteismo all’interno della Direzione generale per lo sviluppo economico, la ricerca e l’innovazione (Dg-Deri), diretta da Maudet. Le conclusioni del rapporto avevano portato, il 28 ottobre 2020, il Consiglio di Stato a ritirare temporaneamente il dipartimento dalle mani del ministro liberale-radicale.

Questa decisione, così come la nomina di un nuovo esperto, erano state impugnate da Maudet davanti alla camera amministrativa della Corte di giustizia. Il ricorso era stato dichiarato irricevibile alla fine di maggio del 2021. Alla luce dei risultati delle elezioni suppletive del 28 marzo 2021, che avevano visto Fabienne Fischer vincere su Maudet, i giudici avevano ritenuto che l’ex consigliere di Stato non avesse più alcun interesse concreto e attuale a ottenere un giudizio in merito ai punti che contestava.

Maudet aveva quindi deciso di appellarsi al Tf. In una sentenza pubblicata oggi, quest’ultimo si allinea alla posizione del tribunale cantonale. In breve, rileva che il ricorrente si era dimesso dal Consiglio di Stato il 1° novembre 2020 e aveva perso la successiva elezione suppletiva. Se il ricorso contro la nuova distribuzione dei dipartimenti fosse stato accolto, non avrebbe potuto rientrare nel governo cantonale.

La nomina di un secondo esperto ha avuto effetto da quando le conclusioni sono state rese pubbliche nel marzo 2021, prosegue il Tf, ritenendo che opporsi a questo mandato non potesse servire gli interessi del ricorrente.

Nella sua argomentazione, Maudet invocava il desiderio di "ristabilire la verità" e ripristinare la propria immagine. I giudici federali ricordano che la decisione del 28 ottobre 2020, presa nell’urgenza, aveva carattere provvisorio. Non conteneva alcun ragionamento pregiudizievole per la persona interessata.

Un altro ricorso riguardante Maudet è ancora pendente davanti al Tf, presentato dal Ministero pubblico ginevrino contro l’assoluzione del magistrato pronunciata il 13 dicembre 2021 dalla Camera d’appello penale della Corte di giustizia. In prima istanza, Maudet era stato condannato a 300 aliquote giornaliere da 400 franchi sospese per aver accettato un vantaggio, ovvero una lussuosa vacanza ad Abu Dhabi nel 2015, del valore di 50’000 franchi, interamente pagata dalle autorità dell’Emirato.

Leggi anche:

Pierre Maudet perde provvisoriamente il Dipartimento

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
10 ore
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
10 ore
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved