laRegione
26.07.22 - 11:22
Aggiornamento: 15:01

Sui mezzi senza biglietto, lo sgarro più diffuso degli svizzeri

Riguardo ai piccoli furti, ricorrenti quelli sul posto di lavoro e negli hotel

Ats, a cura di Red.Web
sui-mezzi-senza-biglietto-lo-sgarro-piu-diffuso-degli-svizzeri
archivio Ti-Press

Viaggiare sui trasporti pubblici privi del biglietto è lo sgarro alle regole di cui più frequentemente si macchiano gli svizzeri. Secondo un sondaggio di Moneyland, circa quattro su dieci sono già saliti intenzionalmente su un treno o un autobus senza aver pagato. Un’altra tentazione parecchio diffusa è quella di sottrarre qualcosa dalle camere d’albergo o dall’ufficio.

L’inchiesta, pubblicata oggi, ha coinvolto 1’500 persone. Il 40% degli intervistati ha dichiarato di aver sempre agito in modo irreprensibile, senza mai rubare nulla e pagando il dovuto.

Frequenti piccoli furti al lavoro e negli hotel

Stando al sondaggio, i luoghi più gettonati per i furti sono i posti di lavoro e gli hotel. Circa un interrogato su quattro ha infatti ammesso di essersi appropriato illecitamente di un oggetto nelle camere o in ufficio.

Uno su sei ha imbrogliato alle casse automatiche

Le persone sono un po’ meno propense ad allungare le mani nei negozi o mangiare al ristorante senza saldare il conto. Tuttavia, un cittadino su sei ha confessato di aver imbrogliato alle casse automatiche di un grande rivenditore.

L’indagine rivela inoltre come gli uomini appaiano più inclini delle donne a cercare di non pagare nei ristoranti e nei negozi. Gli anziani sembrano anche avere più inibizioni nel rubare rispetto ai giovani. Questi ultimi hanno in effetti maggiori probabilità di essere indotti in tentazione dalle casse automatiche e sono anche più allettati dall’idea di viaggiare gratis sui mezzi pubblici.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Successione Sommaruga-Maurer
8 min
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
1 ora
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
2 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
2 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
2 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
3 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
6 ore
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
Svizzera
7 ore
In Svizzera c’è una grave carenza di personale specializzato
In difficoltà soprattutto i settori della sanità, dell’informatica e delle scienze ingegneristiche. A rilevarlo il relativo indice di Adecco
Svizzera
9 ore
A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023
Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi
Svizzera
11 ore
Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella
Il presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consiglieri federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
© Regiopress, All rights reserved