laRegione
giustizia
14.07.22 - 17:43
Aggiornamento: 20:02

Caso Crypto: procedimento contro due collaboratori del Dfae

Tra le persone perquisite ci sarebbe stato anche Peter Lauener, ex capo della comunicazione di Alain Berset

Ats, a cura di Red.Svizzera
caso-crypto-procedimento-contro-due-collaboratori-del-dfae
Keystone
Peter Lauener con Alain Berset

Il procuratore straordinario Peter Marti, incaricato di indagare sulla fuga di notizie relativa alla vicenda Crypto, ha avviato un procedimento per violazione del segreto d’ufficio contro due collaboratori del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae). Il dipartimento di Ignazio Cassis ha confermato la notizia ai giornali del gruppo Tamedia.

Il Dfae non ha fornito i nomi degli interessati per motivi di protezione della personalità. Secondo Tamedia, tra le persone coinvolte figura il segretario generale del Dfae ed ex capo dei servizi segreti, Markus Seiler. Peter Düggeli, responsabile della comunicazione, ha informato per iscritto l’agenzia di stampa Keystone-Ats che entrambi i dipendenti del dipartimento collaborano pienamente con le autorità giudiziarie e respingono le accuse di violazione del segreto d’ufficio.

Le indiscrezioni

Alcuni media svizzero tedeschi avevano scritto in precedenza di perquisizioni eseguite presso due dipendenti della Confederazione, uno impiegato al Dfae e l’altro presso il Dipartimento federale dell’interno (Dfi). Secondo indiscrezioni raccolte dal SonntagsBlick l’ex capo della comunicazione del consigliere federale Alain Berset (Dfi), Peter Lauener, dimessosi a giugno, è stato trattenuto in detenzione preventiva per diversi giorni a Zurigo. Né il Dfi né lo stesso Lauener hanno voluto commentare il domenicale svizzero tedesco.

Il procuratore straordinario Peter Marti è stato nominato all’inizio dell’anno per indagare sulle fughe di notizie, in seguito a una denuncia penale presentata nel novembre del 2020 dalle Commissioni di gestione del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati.

Prime rivelazioni nel 2020

La prime rivelazioni della stampa sullo scandalo Crypto risalgono al febbraio del 2020 e si basano su documenti dei servizi di spionaggio statunitensi (Cia) e tedeschi (Bnd). Le due intelligence per decenni hanno intercettato migliaia di documenti di un centinaio di Stati utilizzando i dispositivi di crittografia dell’azienda zughese truccati segretamente. Un’inchiesta parlamentare ha mostrato che l’intelligence elvetica sapeva fin dal 1993 che dietro Crypto c’erano servizi segreti stranieri e ha collaborato con loro per raccogliere informazioni dall’estero. I responsabili del Dipartimento della Difesa che si sono succeduti da allora non sono però stati informati.

Il Servizio delle attività informative della Confederazione (Sic) – gli 007 elvetici – ha riferito per la prima volta il 19 agosto 2019 alla ministra della difesa Viola Amherd delle voci che circolavano su Crypto. Jean-Philippe Gaudin, il direttore del Sic ha rassegnato le dimissioni ad agosto del 2021, dopo essere stato criticato in un rapporto della Delegazione delle Commissioni della gestione (DelCg) sulla gestione del caso Crypto per aver tardato a informare il Consiglio federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all‘ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ’Smeraldo’
Svizzera
4 ore
Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla
Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
5 ore
Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini
L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
18 ore
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
19 ore
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
20 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
21 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
21 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
22 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
1 gior
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
© Regiopress, All rights reserved