laRegione
08.07.22 - 18:34
Aggiornamento: 19:18

F-35A: c’è incertezza sui prezzi d’acquisto

Il Controllo federale delle finanze chiede ad Armasuisse di inserire tra i rischi l’aspetto finanziario. Quest’ultima rimanda le critiche al mittente

Ats, a cura di Red.Web
f-35a-c-e-incertezza-sui-prezzi-d-acquisto
Keystone

La Svizzera non può contare su prezzi fissi per l’acquisto dei nuovi aerei da combattimento. In un rapporto pubblicato oggi, il Controllo federale delle finanze (Cdf) chiede perciò all’Ufficio federale dell’armamento (Armasuisse) di completare l’inventario dei rischi con gli aspetti finanziari. Armasuisse respinge però le critiche.

L’annuncio dell’acquisto dei 36 F-35A del costruttore americano Lockheed Martin ha suscitato scalpore sia a livello politico che nei media. Il Cdf ha ripreso alcuni dei punti sollevati in queste discussioni per valutarne la rilevanza in termini di rischio.

Secondo un rapporto declassificato, pubblicato spontaneamente oggi dal Cdf, in relazione all’acquisto degli F-35 non c’è "alcuna certezza giuridica per un prezzo fisso nel senso di una somma forfettaria secondo la giurisdizione svizzera". L’incertezza riguarda anche i costi operativi e di manutenzione per l’intera durata di utilizzo.

Poca chiarezza sul contratto e sul prezzo

Il Cdf non è in grado di dire quale tipo di contratto a prezzo fisso sia stato effettivamente stipulato, né se corrisponda a un prezzo forfettario secondo la legge svizzera. Altri elementi, come il ripetuto riferimento ai "costi stimati", sollevano dubbi sul fatto che si tratti di un prezzo fisso nel senso di una somma forfettaria.

Stando al rapporto, è possibile interpretare i vari elementi come un’assicurazione da parte del governo statunitense che non intende trarre profitto dalla transazione, ma che i costi del produttore saranno trasferiti all’acquirente.

L’incertezza tuttavia è troppo grande, secondo il Cdf, e Armasuisse dovrebbe includere questo punto nella sua analisi dei rischi del programma Air2030. Quest’ultimo comprende quattro progetti: l’acquisto dei nuovi aerei da combattimento che sostituiranno gli F/A-18 e l’F-5, l’acquisto di un sistema di difesa terra-aria a lungo raggio, la sostituzione del sistema di controllo delle operazioni aeree e la manutenzione e sostituzione delle installazioni radar.

Armasuisse: ‘Gestione dei rischi funziona bene’

In una nota, Armasuisse respinge fermamente le osservazioni del Cdf affermando che "la gestione dei rischi per questo programma è definita in modo chiaro e adeguatamente implementata".

Gli Stati Uniti e la Svizzera avevano concordato per iscritto che il governo americano avrebbe acquistato l’F-35 dal produttore con un contratto a prezzo fisso e lo avrebbe rivenduto alla Svizzera allo stesso prezzo fisso. Questo prezzo tiene conto anche dell’inflazione statunitense.

La Svizzera ha anche un elevato grado di certezza di pianificazione per quanto riguarda i costi operativi. Questi sono "offerti in modo vincolante" fino al 2040, scrive Armasuisse sottolineando peraltro come, in oltre quarant’anni di transazioni, "non ci sono stati superamenti dei costi in nessuno dei numerosi contratti".

‘Considerazioni astratte’

Nonostante la raccomandazione del Cdf, Armasuisse non vede quindi alcuna ragione per apportare modifiche all’attuale programma di acquisto dei jet da combattimento. Piuttosto, si dovrebbero evidenziare gli aspetti positivi. Ad esempio, il Cdf scrive nel suo rapporto che "la gestione del rischio di questo programma è stata chiaramente definita e viene attuata in modo appropriato".

Armasuisse ritiene peraltro che "il Cdf mette significativamente a rischio gli interessi della Confederazione quando mette in discussione gli accordi contrattuali chiari ed espressamente confermati con gli Stati Uniti". Le raccomandazioni si basano principalmente su "considerazioni astratte ed esperienze dall’estero".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
14 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
15 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
16 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
17 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
20 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
20 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
1 gior
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
1 gior
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
1 gior
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
© Regiopress, All rights reserved