laRegione
27.06.22 - 10:13
Aggiornamento: 15:52

Squadra unica per l’obiettivo della svolta energetica

BirdLife, Greenpeace, Pro Natura, Fondazione Svizzera per l’Energia, Associazione traffico e ambiente e Wwf sul campo assieme. ‘Vantaggi per tutti’

Ats, a cura de laRegione
squadra-unica-per-l-obiettivo-della-svolta-energetica
Keystone
Prima che sia troppo tardi

La società, l’economia e la politica svizzera devono agire per compiere la svolta energetica entro il 2035. È l’appello lanciato oggi da un’alleanza di sei organizzazioni attive nei settori dell’ambiente, dell’energia e dei trasporti, per la quale la crisi climatica e quella della biodiversità sono le più grandi minacce indotte dall’uomo alle fondamenta della nostra esistenza.

Secondo BirdLife, Greenpeace, Pro Natura, Fondazione Svizzera per l’Energia, Associazione traffico e ambiente (Ata) e Wwf Svizzera – che hanno tenuto una conferenza stampa oggi a Berna – ci saranno vantaggi per tutti ad affrontare le due crisi insieme.

Per riuscire la svolta, dobbiamo smettere di sprecare energia, estendere rapidamente la produzione solare e garantire che i criteri di protezione e di utilizzo abbiano lo stesso peso nella pianificazione generale dei progetti energetici, sostengono le Ong, per le quali la decisione spetta ai politici.

Sono necessarie misure concrete in tempi brevi, aggiungono, citando gli esempi di una scadenza vincolante per l’eliminazione graduale dei combustibili fossili, nuovi bandi e incentivi per l’efficienza energetica e una serie di norme per la produzione fotovoltaica sugli edifici.

Con un uso migliore, si potrebbe risparmiare il 41% del consumo totale di energia entro il 2035, secondo le Ong, per le quali l’espansione della produzione di energia solare sulle strutture esistenti potrebbe coprire la crescente domanda di elettricità.

Secondo i loro calcoli, per evitare problemi di approvvigionamento è possibile aumentare la produzione di elettricità da fonti rinnovabili di ulteriori 38 terawattora entro il 2030.

L’alleanza mette inoltre in guardia contro l’utilizzo di aree naturali intatte per l’espansione della produzione di energia elettrica. Le crisi del clima e della biodiversità sono due facce della stessa medaglia. Le torbiere, ad esempio, sono serbatoi di CO2 e immagazzinano grandi quantità di gas serra, ricordano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
11 ore
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
14 ore
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
15 ore
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
17 ore
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
19 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
© Regiopress, All rights reserved