laRegione
25.06.22 - 17:10

Cassis e Keller-Sutter smorzano le critiche contro il Governo

Da un lato hanno relativizzato le critiche all’Esecutivo, dall’altro hanno mostrato comprensione di fronte alla stanchezza delle persone.

Ats, a cura de laRegione
cassis-e-keller-sutter-smorzano-le-critiche-contro-il-governo
archivio Keystone

Ignazio Cassis e Karin Keller-Sutter hanno provato a smorzare le polemiche all’indirizzo del Governo durante l’assemblea dei delegati del Plr. I due rappresentanti del partito in Consiglio federale da un lato hanno relativizzato le critiche all’Esecutivo, dall’altro hanno mostrato comprensione di fronte alla stanchezza della gente, duramente provata dalla crisi del coronavirus e ora dagli effetti dell’invasione russa in Ucraina. Il presidente della Confederazione è poi tornato a parlare delle relazioni con l’Unione europea.

Keller-Sutter: ‘Criticare il Governo è diventato uno sport popolare in Svizzera’

I due ministri del Plr hanno difeso l’operato del Governo. Per Cassis, il Consiglio federale è adatto a far fronte a una crisi e il 70-80% della popolazione ha fiducia in esso, nonostante le "critiche brutali" dei media. "È un valore record e dobbiamo prenderci cura di questo capitale", ha sottolineato il ticinese. Keller-Sutter è invece dell’avviso che criticare l’Esecutivo sia attualmente di moda, a tal punto da diventare, stando alle sue parole, uno "sport popolare in Svizzera".

Stanchezza tra la popolazione

In occasione dell’assemblea dei delegati del Plr, Cassis e Keller-Sutter hanno poi discusso delle crisi che si stanno accavallando. A causa della guerra in Ucraina e degli effetti della pandemia, il presidente della Confederazione "percepisce una grandissima stanchezza" tra la popolazione. Per la ministra sangallese, il clima nella società si è deteriorato a causa della crisi del coronavirus, lasciando forse "qualche crepa". A suo avviso, è inaccettabile che le minacce personali siano aumentate. "Le persone - ha sottolineato - devono essere libere di esprimere le proprie opinioni".

Nel Consiglio federale, Keller-Sutter vorrebbe vedere una "cultura più forte del dibattito". Cassis, dal canto suo, ha invece parlato di una "cultura pacifica della disputa" che ha finora prevalso nelle riunioni di governo.

Cassis: ‘Avanti con il dossier Ue’

Cassis, nel suo discorso davanti ai delegati del Plr, è tornato a parlare dei rapporto con l’Unione europea. Il ticinese ha espresso la volontà del Consiglio federale di andare avanti nel dossier, ma anche l’Ue deve fare la sua parte. Il divario che rimane da colmare nei negoziati non può essere colmato dalla sola Svizzera.

Dopo il fallimento dell’accordo quadro, il Governo era disposto a discutere nuovamente delle relazioni con Bruxelles, ma ancora non è chiara la strada che si vuole intraprendere. Anche perché "il Consiglio federale non è il re, ha bisogno del popolo per un accordo", ha aggiunto Cassis.

‘Chi non contribuisce a una soluzione è lui stesso parte del problema’

Al momento, tutti si lamentano e scrivono lettere, spiega il presidente della Confederazione, criticando però il fatto che non sia stata proposta alcuna soluzione. "Se qualcuno ha riconosciuto un problema ma non contribuisce alla sua soluzione, è lui stesso parte del problema", ha affermato.

Il Plr, durante l’assemblea odierna, discuterà in merito a una presa di posizione sulla politica europea. Cassis ha definito la proposta "un buon documento", anche se non coincide al 100% con quanto sta facendo il Consiglio federale.

Keller-Sutter: ‘Politica migratoria severa ma giusta’

Keller-Sutter si è espressa a favore di una politica migratoria "severa ma giusta", nell’interesse della Svizzera e delle persone interessate. "Lo status S dovrebbe rimanere una protezione temporanea ed essere limitato ad alcune situazioni eccezionali", ha dichiarato ad Andermatt la titolare del Dipartimento federale di giustizia e polizia (Dfgp).

Attualmente tale permesso – accordato in seguito all’invasione russa in Ucraina – è stato concesso a circa 60mila persone. "Ma non può essere esteso a tutti i gruppi di rifugiati", ha tenuto a precisare la sangallese.

Il Permesso S è stato concepito come una protezione temporanea, ha sottolineato Keller-Sutter. "Se hanno bisogno della protezione della Svizzera, la ottengono. Ma se non ne hanno bisogno, devono lasciare la Confederazione". Chi cerca una protezione permanente dalle persecuzioni in Svizzera deve continuare a seguire una procedura di asilo individuale anche in futuro. "Altrimenti potremmo anche abolire il sistema di asilo. Inoltre, il diritto d’asilo non può risolvere il problema generale della migrazione", ha aggiunto la consigliera federale.

Un Permesso S maggiormente orientato al futuro rimpatrio

I delegati oggi hanno adottato all’unanimità un documento di posizione sulla politica migratoria svizzera, che mira a una riforma del Permesso S, al fine di orientarlo maggiormente verso un futuro rientro nel Paese delle persone interessate. Oltre a ciò, vuole regolare il ricongiungimento familiare, il rimpatrio dei rifugiati economici e i contingenti in base alle esigenze dell’economia.

Leggi anche:

Plr: uno status di protezione più orientato al futuro rimpatrio

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
16 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
17 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
19 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved