laRegione
guerra-la-popolazione-svizzera-si-sente-un-po-meno-minacciata
23.06.22 - 08:40
Aggiornamento: 18:47
Ats, a cura di Federica Ciommiento

Guerra, la popolazione svizzera si sente un po’ meno minacciata

Lo indica un sondaggio dell’istituto Link. La preoccupazione per un’escalation del conflitto in Ucraina rimane comunque alta

A quasi quattro mesi dall’invasione russa dell’Ucraina, la popolazione svizzera si sente un po’ meno minacciata rispetto a quando è scoppiata la guerra. La maggioranza è ancora pronta a sostenere le sanzioni economiche contro la Russia e anche provvedimenti di portata maggiore. Le misure militari, invece, sono respinte in maniera chiara. È il risultato di un sondaggio pubblicato oggi dall’istituto di ricerca Link.

Un’ampia maggioranza delle 2’422 persone intervistate dal 3 al 10 giugno approva la politica del Consiglio federale e sostiene la sua interpretazione cooperativa della politica di neutralità della Svizzera. Tuttavia, secondo una dichiarazione di Link, si può notare una crescente divisione politica.

In Svizzera, la preoccupazione per un’ulteriore escalation della guerra in Ucraina rimane alta. La maggioranza degli intervistati ha espresso la preoccupazione che la Russia possa usare armi chimiche (81%) o nucleari (73%).

Paura di una terza guerra mondiale

Circa due intervistati su tre (63%) temono che il conflitto possa sfociare in una terza guerra mondiale e quasi una persona su due (48%) è preoccupata di un’espansione del conflitto in una guerra più ampia che potrebbe coinvolgere anche la Svizzera.

Secondo Link il fatto che, nonostante queste cifre elevate, in alcuni casi la preoccupazione sia diminuita significativamente rispetto a un primo sondaggio di metà marzo suggerisce un certo effetto di assuefazione. Di fronte alle immagini quotidiane di orrore della guerra, gli intervistati sono ancora consapevoli della minaccia, ma ne hanno meno paura.

Due terzi degli intervistati (64%) nel sondaggio di giugno concordano anche con l’affermazione secondo cui la Svizzera dovrebbe impegnarsi chiaramente nei confronti dell’Ucraina e attuare pienamente le sanzioni dell’Ue contro la Russia. Neutralità e sanzioni economiche non sono quindi in contraddizione per la maggioranza degli intervistati.

Neutralità a destra - sanzioni a sinistra

Allo stesso tempo, la neutralità stessa continua a essere molto apprezzata dalla popolazione, scrive l’istituto di ricerca Link. Il 59% degli intervistati ha dichiarato che la Svizzera dovrebbe rimanere neutrale nei confronti della Russia e dell’Ucraina e una grande maggioranza, pari al 78%, ritiene che la Svizzera dovrebbe svolgere un ruolo di mediazione in questo conflitto.

La metà degli intervistati a giugno non è d’accordo con l’adesione alla Nato. Sebbene questo rifiuto sia diminuito da marzo – poco dopo l’attacco russo del 24 febbraio – è ancora più del doppio rispetto a coloro che l’approvano (23%). Una più stretta cooperazione tra la Svizzera e la Nato, invece, è ampiamente sostenuta dal 55% degli intervistati.

Mentre il sostegno alle sanzioni e al ruolo di mediazione della Svizzera gode di una maggioranza non partitica, negli ultimi tre anni il divario politico si è allargato su questioni fondamentali legate alla neutralità.

La maggioranza degli intervistati di destra e di centro vuole mantenere la neutralità nei confronti della Russia e dell’Ucraina, una posizione che non è sostenuta da chi si trova a sinistra dello spettro politico. Da marzo il gruppo dei sostenitori della neutralità è aumentato a destra e al centro. Inoltre, a destra, non c’è quasi una maggioranza che sostenga pienamente le sanzioni dell’Ue.

Secondo Link, la situazione è simile per quanto riguarda la Nato: i cittadini di destra dello spettro politico sono più contrari all’adesione alla Nato rispetto a quelli di sinistra.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
guerra nato neutralità russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi
Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
Svizzera
2 ore
Notifiche per le aziende estere, ‘cinque giorni bastano’
L’organizzazione sindacale Travail.Suisse sarebbe disposta ad accettare la riduzione del termine d’annuncio
Svizzera
7 ore
Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso
La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
7 ore
Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%
Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
8 ore
Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali
Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
21 ore
Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica
La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
22 ore
‘L’addio ai Tiger è prematuro’
È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
23 ore
Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi
La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
1 gior
Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio
Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
1 gior
A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola
Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
© Regiopress, All rights reserved