laRegione
23.06.22 - 08:40
Aggiornamento: 18:47

Guerra, la popolazione svizzera si sente un po’ meno minacciata

Lo indica un sondaggio dell’istituto Link. La preoccupazione per un’escalation del conflitto in Ucraina rimane comunque alta

Ats, a cura di Federica Ciommiento
guerra-la-popolazione-svizzera-si-sente-un-po-meno-minacciata

A quasi quattro mesi dall’invasione russa dell’Ucraina, la popolazione svizzera si sente un po’ meno minacciata rispetto a quando è scoppiata la guerra. La maggioranza è ancora pronta a sostenere le sanzioni economiche contro la Russia e anche provvedimenti di portata maggiore. Le misure militari, invece, sono respinte in maniera chiara. È il risultato di un sondaggio pubblicato oggi dall’istituto di ricerca Link.

Un’ampia maggioranza delle 2’422 persone intervistate dal 3 al 10 giugno approva la politica del Consiglio federale e sostiene la sua interpretazione cooperativa della politica di neutralità della Svizzera. Tuttavia, secondo una dichiarazione di Link, si può notare una crescente divisione politica.

In Svizzera, la preoccupazione per un’ulteriore escalation della guerra in Ucraina rimane alta. La maggioranza degli intervistati ha espresso la preoccupazione che la Russia possa usare armi chimiche (81%) o nucleari (73%).

Paura di una terza guerra mondiale

Circa due intervistati su tre (63%) temono che il conflitto possa sfociare in una terza guerra mondiale e quasi una persona su due (48%) è preoccupata di un’espansione del conflitto in una guerra più ampia che potrebbe coinvolgere anche la Svizzera.

Secondo Link il fatto che, nonostante queste cifre elevate, in alcuni casi la preoccupazione sia diminuita significativamente rispetto a un primo sondaggio di metà marzo suggerisce un certo effetto di assuefazione. Di fronte alle immagini quotidiane di orrore della guerra, gli intervistati sono ancora consapevoli della minaccia, ma ne hanno meno paura.

Due terzi degli intervistati (64%) nel sondaggio di giugno concordano anche con l’affermazione secondo cui la Svizzera dovrebbe impegnarsi chiaramente nei confronti dell’Ucraina e attuare pienamente le sanzioni dell’Ue contro la Russia. Neutralità e sanzioni economiche non sono quindi in contraddizione per la maggioranza degli intervistati.

Neutralità a destra - sanzioni a sinistra

Allo stesso tempo, la neutralità stessa continua a essere molto apprezzata dalla popolazione, scrive l’istituto di ricerca Link. Il 59% degli intervistati ha dichiarato che la Svizzera dovrebbe rimanere neutrale nei confronti della Russia e dell’Ucraina e una grande maggioranza, pari al 78%, ritiene che la Svizzera dovrebbe svolgere un ruolo di mediazione in questo conflitto.

La metà degli intervistati a giugno non è d’accordo con l’adesione alla Nato. Sebbene questo rifiuto sia diminuito da marzo – poco dopo l’attacco russo del 24 febbraio – è ancora più del doppio rispetto a coloro che l’approvano (23%). Una più stretta cooperazione tra la Svizzera e la Nato, invece, è ampiamente sostenuta dal 55% degli intervistati.

Mentre il sostegno alle sanzioni e al ruolo di mediazione della Svizzera gode di una maggioranza non partitica, negli ultimi tre anni il divario politico si è allargato su questioni fondamentali legate alla neutralità.

La maggioranza degli intervistati di destra e di centro vuole mantenere la neutralità nei confronti della Russia e dell’Ucraina, una posizione che non è sostenuta da chi si trova a sinistra dello spettro politico. Da marzo il gruppo dei sostenitori della neutralità è aumentato a destra e al centro. Inoltre, a destra, non c’è quasi una maggioranza che sostenga pienamente le sanzioni dell’Ue.

Secondo Link, la situazione è simile per quanto riguarda la Nato: i cittadini di destra dello spettro politico sono più contrari all’adesione alla Nato rispetto a quelli di sinistra.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
cyberpornografia
4 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
5 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
6 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
7 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
10 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
11 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
14 ore
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
1 gior
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
1 gior
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
1 gior
Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat
Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
© Regiopress, All rights reserved