laRegione
bienne
20.06.22 - 20:33
Aggiornamento: 21:03

Chiesti 14 mesi e l’espulsione per il predicatore libico

Abu Ramadan avrebbe incitato all’odio contro cristiani, ebrei, hindù, russi e musulmani sciiti

Ats, a cura de laRegione
chiesti-14-mesi-e-l-espulsione-per-il-predicatore-libico
Abu Ramadan prima di entrare in aula (Keystone)

Il predicatore libico Abu Ramadan è comparso oggi davanti al tribunale regionale di Bienne (Be) per rispondere di discriminazione razziale e truffa. Il ministero pubblico della Confederazione ha chiesto una pena di 14 mesi e l’espulsione dalla Svizzera. Il difensore d’ufficio ha chiesto l’assoluzione. Il verdetto dovrebbe essere noto domani in serata.

Durante un sermone nella moschea Ar’Rahman (la misericordia) di Bienne, il 7 luglio del 2017, Abu Ramadan avrebbe incitato all’odio contro cristiani, ebrei, hindù, russi e musulmani sciiti. Il predicatore avrebbe anche approfittato di prestazioni sociali indebite per un ammontare di 46’000 franchi tra il 2003 e il 2017.

Il procedimento legale è stato innescato da una denuncia penale. L’indagine della procura del Giura-Seeland ha richiesto molto tempo. Per prima cosa, un esperto ha dovuto tradurre la predica dall’arabo al tedesco. Poi è occorsa una perizia supplementare sull’interpretazione delle affermazioni di Ramadan.

In base a questi elementi, secondo l’ufficio del ministero pubblico regionale il libico, ora 69enne, ha auspicato a più riprese che venissero debellate le persone appartenenti a certi gruppi etnici o che professano certe religioni. Ha quindi incitato all’odio ed è colpevole di discriminazione razziale.

La difesa

Qualche mese dopo il controverso sermone, l’allora imam della moschea Ar’Rahman ha contestato via stampa di aver incitato all’odio. Egli ha sostenuto di non aver mai pregato Allah "di distruggere i nemici dell’Islam": le sue affermazioni sarebbero state tradotte male.

Anche oggi ha respinto tutte le accuse. Per quanto riguarda il sermone, ha affermato che singoli passaggi sono stati estrapolati dal contesto. Egli ha anche tenuto molte altre prediche in cui aveva messo in guardia, ad esempio, contro l’organizzazione terroristica del sedicente Stato Islamico (ISIS). Ma - ha sottolineato - nessuno ne ha parlato.

Il discorso in questione riguardava la corruzione, ha aggiunto l’avvocato della difesa. Il suo cliente aveva solo fatto appello a Dio affinché consegnasse i colpevoli alla giustizia.


L’entrata della moschea dove predicava (Keystone)

Le altre accuse

Abu Ramadan è pure accusato di aver ripetutamente usufruito illegalmente dell’assistenza sociale tra il 2003 e il 2017. Anche queste indagini - nate da una denuncia delle autorità di Nidau (Be), il comune di residenza di Abu Ramadan - sono state "estremamente complesse", ha sottolineato il ministero pubblico. L’accusato non ha collaborato all’inchiesta e in particolare non ha risposto alle domande sul suo reddito.

Il libico aveva dichiarato al comune di essere disoccupato e di non avere né reddito né patrimonio, ma secondo le indagini della procura l’uomo organizzava pellegrinaggi ottenendo così in parte un reddito concreto. L’imputazione di ricezione illegale di prestazioni sociali sarebbe quindi fondata.

Per essersi recato in Libia diverse volte senza alcun problema, Abu Ramadan ha già perso il diritto di asilo e lo status di rifugiato, ottenuto al suo arrivo in Svizzera nel 1998. Ora usufruisce di un permesso C di domicilio. Se dovesse essere riconosciuto colpevole, sarà espulso.

Ciò che, oltre a 14 mesi di detenzione, è stato richiesto anche dalla procuratrice federale incaricata del caso. Il predicatore libico - ha sottolineato il pubblico ministero - non è integrato in Svizzera. Mentre nel suo Paese d’origine le prospettive di reintegrazione restano intatte. Abu Ramadan aveva diversi parenti stretti che vivevano in Libia e in passato vi è ritornato più volte, l’ultima volta qualche mese fa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Successione Sommaruga-Maurer
9 ore
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
10 ore
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
11 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
11 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
11 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
12 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
15 ore
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
Svizzera
16 ore
In Svizzera c’è una grave carenza di personale specializzato
In difficoltà soprattutto i settori della sanità, dell’informatica e delle scienze ingegneristiche. A rilevarlo il relativo indice di Adecco
Svizzera
18 ore
A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023
Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi
Svizzera
20 ore
Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella
Il presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consiglieri federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
© Regiopress, All rights reserved