laRegione
15.06.22 - 15:58

Riforma del Secondo pilastro, dossier rispedito in commissione

Gli Stati optano per non discutere le proposte commissionali. Pomo della discordia le misure di compensazione per la generazione transitoria

Ats, a cura de laRegione
riforma-del-secondo-pilastro-dossier-rispedito-in-commissione
Keystone
Si approfondisca la proposta di compromesso di Dittli

Non c’è consenso in merito alla riforma del Secondo pilastro. Oggi il Consiglio degli Stati non ha voluto discutere le proposte della sua commissione preparatoria: dopo essere entrato in materia sulla revisione, ha rispedito il dossier alla Commissione della sicurezza sociale e della sanità (Csss-N) con l’incarico di esaminare una proposta di compromesso elaborata da Josef Dittli (Plr/Ur).

Il punto centrale della riforma – che non è contestato – è la riduzione del tasso di conversione dal 6,8% al 6,0%. Per scongiurare un’eccessiva diminuzione delle rendite – l’abbassamento dell’aliquota comporterebbe infatti una loro contrazione di circa il 12% – il progetto prevede alcune misure per aumentare l’avere di vecchiaia disponibile al momento del pensionamento.

Il vero pomo della discordia è però rappresentato dalle misure di compensazione destinate alla generazione transitoria. La Csss-N propone che a beneficiarne siano le prime 20 classi d’età che andranno in pensione dopo l’entrata in vigore della riforma. La compensazione sarebbe versata sotto forma di supplemento di rendita. Il costo? 25,2 miliardi di franchi.

In questo modo, spiega la commissione, il 70% circa degli assicurati della generazione di transizione riceverebbe il supplemento pieno e il 18% quello ridotto. Nel modello proposto dal Consiglio federale ne avrebbero beneficiato tutti gli assicurati, mentre in quello del Nazionale – che costerebbe 9,1 miliardi – solo il 35-40% delle prime 15 classi d’età.

Per Dittli la soluzione della commissione è però troppo costosa: "Non ha alcuna possibilità di essere approvata oggi dal plenum", ha sostenuto l’urano. "Non avevamo i dettagli di tutte le cifre al momento delle discussioni in commissione", ha aggiunto Johanna Gapany (Plr/Fr).

Per questo motivo Dittli ha chiesto, tramite una proposta individuale, di limitare alle prime 15 classi d’età il supplemento di rendita. Quest’ultimo, inoltre, non sarebbe versato a chi beneficerebbe in tal modo di una rendita superiore a quella che otterrebbe con il sistema attualmente in vigore. Secondo l’Ufficio federale delle assicurazioni sociali (Ufas), la proposta del "senatore" urano costerebbe 11,9 miliardi e interesserebbe il 37-47% degli assicurati della generazione transitoria.

Il siluramento della proposta della maggioranza della commissione da parte del rappresentante di questa stessa maggioranza commissionale ha fatto storcere il naso ad alcuni deputati: "in commissione abbiamo smarrito la strada", ha criticato Hannes Germann (Udc/Sh) dicendo di non aver mai visto una cosa simile. Alex Kuprecht (Udc/Sz) ha da parte sua chiesto al plenum di decidere ora: "non emergeranno nuove cifre inviando il dossier in commissione", ha sostenuto.

"La complessità della proposta Dittli non permette una discussione in seduta plenaria", ha però replicato Hans Stöckli (Ps/Be). "Le differenze tra i modelli sono di miliardi di franchi, la maggior parte di noi ha scoperto questa proposta di compromesso sul tavolo questa mattina e non ne conosce le conseguenze", ha aggiunto Pirmin Bischof (Centro/So). Con 28 voti a 15 e 2 astenuti, la Camera ha così deciso di rispedire il dossier alla CSSS-N con l’incarico di studiare a fondo la proposta Dittli.

In precedenza, durante il dibattito di entrata in materia, il relatore commissionale Erich Ettlin (Centro/Ow) ha definito la riforma urgente e necessaria. La previdenza professionale ha un problema demografico, di ridistribuzione e di modernizzazione, ha aggiunto sostenendo come il diritto attuale si basi sul mercato del lavoro degli anni Settanta.

Per Maya Graf (Verdi/Bl), la riforma avvicina la Svizzera alla parità nella previdenza professionale. Per molte donne, oggi le pensioni sono spesso insufficiente, ha sostenuto la basilese. La riforma, così com’è, è tuttavia ancora insufficiente per rispondere ai bisogni dei futuri pensionati e delle donne in particolare, ha aggiunto Marica Carobbio (Ps/Ti) deplorando il fatto che sia stata scartata la proposta originaria del Consiglio federale, che riprendeva il compromesso delle parti sociali.

C’è però anche chi, come Ruedi Noser (Plr/Zh), vorrebbe lo status quo: "il sistema attuale è migliore della revisione proposta", ha dichiarato. La burocrazia esploderebbe e ci sarebbe per trent’anni una ridistribuzione dei costi dall’Avs alle casse pensioni.

La palla, come detto, passa ora nelle mani della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
2 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
20 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
21 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
22 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
1 gior
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
© Regiopress, All rights reserved