laRegione
14.06.22 - 15:03
Aggiornamento: 16:02

Nessun trattamento di favore a Berset nella vicenda del ricatto

Lo sostiene il rapporto pubblicato dalla Commissione gestione del parlamento. Critiche per la mancata comunicazione del procedimento penale all’Av-Mpc

nessun-trattamento-di-favore-a-berset-nella-vicenda-del-ricatto
Keystone

Nessun trattamento preferenziale nei confronti del consigliere federale Alain Berset da parte del Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) nella vicenda del ricatto cui è stato oggetto il ministro nel 2019. È quanto risulta dal rapporto pubblicato oggi della Commissioni della gestione del parlamento.

La cancellazione dei dati dai dispositivi elettronici della ricattatrice è stata eseguita correttamente, si legge nel documento. Tuttavia, il rapporto solleva anche una critica: l’autorità di vigilanza dell’Mpc (Av-Mpc) non è stata informata del procedimento penale, ciò che invece sarebbe dovuta avvenire a causa dell’importanza pubblica della persona oggetto del ricatto. L’Mpc e l’AV-MPC hanno ora definito con maggiore precisione i casi che richiedono la trasmissione di informazioni.

Inoltre, le commissioni hanno dichiarato di non voler commentare l’anonimato garantito alla vittima e alla colpevole nell’ordinanza penale "per rispetto della separazione dei poteri".

Anche la Polizia giudiziaria federale non è intervenuta in modo sproporzionato per conto del Consigliere federale, si legge nel rapporto. Non c’è stato alcun contatto diretto tra Berset e la polizia federale, né alcun tentativo di influenza.

Inoltre, l’impiego di personale da parte del ministro è stato minimo e adeguato alle circostanze. Il tempo investito è stato poco, una manciata di ore, sottolineano le commissioni.

Il rapporto conclude anche che Berset ha usato legalmente la sua auto di servizio per tornare da un weekend privato in Germania. Il viaggio era anche di natura professionale, poiché il ministro friburghese doveva tornare a Berna per parlare delle votazioni che si sarebbero svolte in Svizzera quella domenica. Nello stesso fine settimana non ha utilizzato fondi pubblici per pagare le spese di pernottamento in Germania.

Per giungere alle loro conclusioni, le commissioni hanno sentito il consigliere federale socialista e diversi impiegati del Dipartimento federale dell’Interno. È stato ascoltato anche il procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler.

Hanno inoltre richiesto diversi rapporti, in particolare l’Av-Mpc, all’Ufficio federale di polizia (fedpol) e alla Cancelleria federale e preso visione del fascicolo, ora chiuso, contenente il procedimento penale contro la donna che ha cercato di ricattare Berset nel 2019.

Le commissioni si dicono pronte a riprendere il lavoro se in futuro saranno necessari ulteriori chiarimenti e nel contempo chiedono al Consiglio federale, all’Av-Mpc e al Mpc, di presentare un parere sul loro rapporto entro l’estate.

Le commissioni della gestione avevano aperto un’indagine lo scorso autunno in seguito alle critiche mosse dai media circa la proporzionalità dell’intervento dell’unità speciale "Tigris" della polizia federale; secondo loro, inoltre, il consigliere federale aveva utilizzato in modo improprio soldi pubblici.

Per la cronaca, il settimanale zurighese Weltwoche aveva riportato nel novembre 2020 che l’Mpc aveva condannato mediante decreto d’accusa, a una pena di 150 aliquote giornaliera da 30 franchi l’una, una donna rea di aver ricattato Alain Berset. La pena è stata sospesa per due anni.

Berset si è sempre difeso dicendo che si trattava di una "questione privata" ormai risolta. Secondo il decreto d’accusa, la donna aveva utilizzato foto e corrispondenza privata tra lei e Alain Berset chiedendo 100mila franchi, prima di ritirare la sua richiesta. Nel giugno 2020 aveva firmato una dichiarazione in cui accettava la cancellazione completa di tutti i dati presenti sui suoi dispositivi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
10 ore
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
10 ore
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved