laRegione
10.06.22 - 11:39
Aggiornamento: 14:09

Eroina a fini terapeutici anche in farmacie e case per anziani

È quanto prevede la revisione della specifica ordinanza, in consultazione fino al 30 settembre, approvata oggi dal Consiglio federale

Ats, a cura de laRegione
eroina-a-fini-terapeutici-anche-in-farmacie-e-case-per-anziani
Keystone
Previsti criteri più elastici nella distribuzione

Molto criticata all’inizio, e poi presa quasi a modello, la distribuzione di eroina a scopi terapeutici in Svizzera dovrebbe venir resa più elastica, facendo in modo che anche farmacie, carceri e case per anziani possano elargire le dosi giornaliere necessarie. È il succo della revisione dell’ordinanza approvata oggi dal Consiglio federale e inviata in consultazione alle cerchie interessate fino al 30 di settembre.

Come ricorda un comunicato governativo odierno, è dal 1994 che in Svizzera si effettuano cure basate sulla prescrizione di eroina (HeGeBe), un approccio che finora ha goduto del favore di pazienti e popolazione.

Pazienti sempre più anziani

Questo programma, stando all’esecutivo, dovrà però affrontare in futuro svariate sfide dal momento che molti pazienti stanno invecchiando, soffrono spesso di più malattie e sono meno mobili. Inoltre, le loro abitudini di consumo sono cambiate col passare del tempo. Il fatto poi di vivere in un luogo isolato o dover scontare una pena detentiva può complicare le visite giornaliere a un centro HeGeBe.

Distribuzione anche in centri esterni

Ecco perché, per far fronte a questi cambiamenti, bisognerebbe allentare le regole di distribuzione e adeguare meglio il programma alle esigenze dei pazienti. In concreto, in futuro i centri HeGeBe dovrebbero poter delegare la distribuzione di eroina (diacetilmorfina) a istituti esterni, come per esempio case per anziani, ospedali, carceri o farmacie. I pazienti potranno qui ritirare i medicamenti, risparmiandosi quindi un pezzo di tragitto.

La prescrizione di eroina resterà tuttavia responsabilità dei centri HeGeBe e dei medici competenti. In determinati casi, dovrà essere possibile cedere più dosi giornaliere. Questa misura dovrà facilitare l’accompagnamento terapeutico dei pazienti e la loro reintegrazione.

La maggiore flessibilità richiesta non rappresenta una novità assoluta: già durante la pandemia di coronavirus si sono applicati temporaneamente criteri più elastici per la distribuzione delle dosi giornaliere. Per il governo si è trattato di un’esperienza positiva nella pratica che lo ha spinto a modificare l’ordinanza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Ottobre col segno negativo per le vendite al dettaglio
Nel decimo mese dell’anno il giro d’affari ha conosciuto una contrazione del 2,7% rispetto a quello precedente. Stabilità invece su base annua
Svizzera
6 ore
Fermato un uomo in un’area di sosta con 10 kg di cocaina
Incastrato dal fiuto di Arani von der Lodeburg. L’uomo era stato controllato nei pressi di Würenlos, mentre procedeva in direzione di Berna
Svizzera
7 ore
Ancora troppo poco diffusa la cultura del ‘Nutri-Score’
Per il Consiglio federale, la popolazione va maggiormente sensibilizzata sul sistema di caratterizzazione nutrizionale degli alimenti
Svizzera
7 ore
Serata ‘calda’ per i pompieri grigionesi: doppio intervento
Principi di incendi con danni materiali a Fanas (a causa di una candela) e Bargung. Una persona portata all’ospedale per sospetta intossicazione da fumo
Svizzera
8 ore
Critiche alla Posta per il suo ruolo in rapporto alle Pmi
L’Usam rimprovera al gigante giallo la sua posizione predominante nel monopolio delle lettere, sfruttata anche in altri ambiti
Svizzera
9 ore
Scomparsa da giovedì, ritrovata morta a Brügg
Il corpo della donna, una 76enne spagnola residente a Bienne, è stato rinvenuto privo di vita in una chiusa del canale Nidau-Büren
Svizzera
10 ore
Gettano il porcellino d’india in un cestino dei rifiuti
È salvo e in buone condizioni l’animaletto domestico recuperato operaio comunale ad Amriswil, ora affidato alla protezione animali
Svizzera
11 ore
Polizze con codice Qr, bilancio ‘molto positivo’
A due mesi dalla sua introduzione, la Posta si dice soddisfatta della risposta dell’utenza. ‘Per la stragrande maggioranza è una routine’
Svizzera
12 ore
Per Ruth Dreifuss un dottorato honoris causa
A conferirglielo, per l’impegno a favore di un mondo più giusto, delle pari opportunità e della tutela delle minoranze è stata l’Università di Berna
Svizzera
12 ore
Scansa un camion e centra il guardrail a bordo carreggiata
Incidente della circolazione sulla cantonale che da Coira porta ad Arosa: ingenti danni a vettura e infrastruttura stradale. Illeso il conducente
© Regiopress, All rights reserved