laRegione
09.06.22 - 16:56
Aggiornamento: 18:15

Situazione più distesa sul fronte affluenza profughi

Dai 1’000 al giorno di marzo e aprile, gli ucraini in fuga che bussano alla porta della Svizzera sono scesi a 1’000-1’400 a settimana

Ats, a cura de laRegione
situazione-piu-distesa-sul-fronte-affluenza-profughi
Keystone
Attualmente sono 53’307 gli ucraini con statuto S

La situazione si sta allentando per quanto riguarda l’afflusso di rifugiati ucraini in Svizzera. Attualmente si registrano dalle 1’000 alle 1’400 domande a settimana, rispetto alle 1’000 al giorno di marzo e aprile.

"Il numero di richiedenti è comunque ancora quattro volte superiore a quello in tempi normali", ha dichiarato oggi David Keller, direttore dell’unità di crisi per l’asilo presso la Segreteria di Stato della migrazione (Sem), parlando ai media.

Stando ai dati pubblicati dalla Sem, 56’106 persone hanno richiesto lo statuto S e 53’307 lo hanno ottenuto.

Fino a 120’000 rifugiati

In totale, la Confederazione prevede che quest’anno saranno accolti in Svizzera da 80’000 a 120’000 ucraini, ha dichiarato il funzionario della Sem. Circa 200 persone hanno lasciato la Svizzera. Per loro, la Sem ha disposto la revoca dello statuto S.

La Segreteria di Stato della migrazione tollera comunque che le persone con questo statuto di protezione tornino a casa per un periodo di tempo limitato. Idealmente, il limite è di 15 giorni per trimestre, ma Berna è conciliante.

Non tutti i rimpatri comportano la revoca dello statuto S, ha sottolineato Keller. Bisogna valutare la situazione caso per caso. Se una persona lascia la Svizzera per più di 60 giorni, in linea di principio perde lo statuto S.

Anche la pressione sui cantoni si sta allentando, il che dà loro "un po’ di respiro", ha dichiarato Gaby Szöllösy, segretaria generale della Conferenza dei direttori cantonali degli affari sociali (Cdas). Attualmente sono disponibili circa 9’000 posti letto in strutture di assistenza cantonali e comunali, 1’200 in più rispetto alla settimana precedente.

Meno alloggi presso famiglie

I Cantoni temono però che le tensioni aumentino nuovamente in estate. Molte famiglie ospitanti si sono impegnate ad accogliere i rifugiati ucraini per tre mesi. La scadenza dei 90 giorni si avvicina.

Con le vacanze estive, alcune famiglie potrebbero essere tentate di porre fine all’esperimento, ha dichiarato Szöllösy, che ha detto di comprendere le loro motivazioni. "La società civile ci ha aiutato molto", ha aggiunto, elogiando gli sforzi compiuti in tre mesi.

In alcuni Cantoni si nota una certa "tendenza" in questa direzione, ha aggiunto. Se questa tendenza si conferma, le persone interessate dovranno essere ricollocate in alcune strutture statali.

La Confederazione e i Cantoni stanno lavorando a soluzioni a lungo termine, soprattutto in vista del prossimo anno scolastico. I bambini non dovrebbero cambiare scuola troppo spesso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
2 ore
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
5 ore
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
7 ore
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
8 ore
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
9 ore
L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave
Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
10 ore
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
1 gior
Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp
Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
1 gior
Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola
Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
© Regiopress, All rights reserved