laRegione
berna-deve-poter-adottare-sanzioni-in-modo-autonomo
Keystone
09.06.22 - 11:02
Aggiornamento: 22:49
Ats, a cura de laRegione

‘Berna deve poter adottare sanzioni in modo autonomo’

Il Consiglio nazionale ha approvato oggi l’entrata in materia sulla revisione della legge sugli embarghi

Il regime sanzionatorio svizzero deve essere rivisto. Il Consiglio nazionale ha approvato oggi con 131 voti contro 51 l’entrata in materia sulla revisione della legge sugli embarghi. Questa dovrebbe permettere al Consiglio federale di imporre autonomamente delle sanzioni.

Le sanzioni del Consiglio federale, o piuttosto la loro assenza, sono state oggetto di molte discussioni. Dall’inizio della guerra in Ucraina, gli Stati occidentali si sono affrettati a prendere misure severe contro la Russia. La Svizzera ha seguito più lentamente, senza allinearsi sistematicamente. Berna è stata criticata duramente per questo.

Neutralità in questione

Il problema, secondo il governo, risiede nella legge sugli embarghi in vigore dal 2003. Attualmente, la Svizzera può adottare solo misure decretate dall’Organizzazione delle Nazioni unite (Onu), dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) o dai suoi principali partner economici.

‘Le sanzioni sono armi da guerra’

Una revisione della legge sugli embarghi è destinata a cambiare questa situazione. Dovrebbe consentire al Consiglio federale di imporre sanzioni autonomamente. Per l’Udc si tratta di una violazione della neutralità svizzera. "Le sanzioni sono armi da guerra", ha criticato Yves Nidegger (Udc/Ge). "Fanno della Svizzera una parte del conflitto. La trascinano in guerra", ha aggiunto Roger Köppel (Udc/Zh).

"Neutralità significa che tutte le parti in conflitto, non solo l’Ucraina, considerano la Svizzera neutrale. Tuttavia, la Russia ha inserito la Svizzera nella lista dei Paesi ostili", ha proseguito lo zurighese. Köppel teme un’escalation: dopo le sanzioni, potrebbero essere consegnate munizioni e armi. Poi gli esperti potrebbero recarsi nel Paese per addestrare i soldati ucraini.

‘Migliore coerenza delle politiche’

Un’opinione che nessun altro partito condivideva. "La revisione proposta rispetta la neutralità della Svizzera e rafforza la coerenza della sua politica in materia di sanzioni", ha dichiarato Laurent Wehrli (Plr/Vd) per la commissione.

Diversi oratori di destra e di sinistra hanno affermato che Berna dovrebbe essere in grado di adottare sanzioni in modo rapido e indipendente. Tiana Angelina Moser (Pvl/Zh) ha sottolineato che ciò rafforzerebbe la sua sovranità. La Svizzera deve uscire dalla sua posizione di spettatrice, ha aggiunto Elisabeth Schneider-Schneiter (Centro/Bl). Il mondo è cambiato. Così come il concetto di neutralità.

Il dibattito continua.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale consiglio nazionale neutralità russiaucraina sanzioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe
In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
4 ore
Incidente mortale ieri sera a Schlatt
Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
5 ore
Ventisettenne annega nel lago di Zurigo
È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
6 ore
HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte
Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
7 ore
Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9
A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
8 ore
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
10 ore
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
11 ore
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
12 ore
Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione
Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
13 ore
Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano
L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
© Regiopress, All rights reserved