laRegione
09.06.22 - 15:49
Aggiornamento: 16:38

Consiglio di sicurezza, 25 posti di lavoro in caso di elezione

Se sarà eletta, la Svizzera inizierà il suo mandato nel Consiglio di sicurezza dell’Onu in gennaio. Già dal 1°ottobre entrerà in un periodo transitorio

Ats, a cura de laRegione
consiglio-di-sicurezza-25-posti-di-lavoro-in-caso-di-elezione
Keystone

La candidatura e il probabile mandato della Svizzera nel Consiglio di sicurezza richiedono 25 posti di lavoro supplementari. La maggior parte dei costi è assorbita dal Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), ma le spese aggiuntive sono stimate in 5,3 milioni di franchi.

In totale, il budget tra il 2020 e il 2025 dovrebbe raggiungere circa 25 milioni di franchi. Il Dfae sottolinea che non è "ragionevole" aspettarsi che la Svizzera venga eletta nell’organo esecutivo dell’Onu più spesso di ogni 20 anni.

Dal 2020 sono stati spesi circa 500’000 franchi ed è stato creato un posto per difendere pubblicamente la candidatura. Anche se la Svizzera è stata l’unico Paese, insieme a Malta, a candidarsi per i due seggi del gruppo dell’Europa occidentale, era importante mettere in evidenza le questioni a cui Berna tiene particolarmente e il suo impegno per la pace e la sicurezza, ha spiegato il Dfae.

Il numero dei posti aggiuntivi è inferiore rispetto a quello degli altri membri non permanenti del Consiglio di sicurezza. Circa dieci nuovi membri del personale hanno raggiunto la missione svizzera presso le Nazioni Unite a New York. In totale, due terzi dei costi sono finanziati dal Dfae. Anche il Dipartimento federale della difesa (Ddps) e la Segreteria di Stato dell’economia (Seco) dovranno ricorrere a risorse aggiuntive.

Cosa cambierà per la Svizzera se sarà eletta

Se sarà eletta, la Svizzera inizierà il suo mandato nel Consiglio di sicurezza dell’Onu il prossimo gennaio. Ma già dal primo ottobre entrerà in un periodo transitorio.

I presidenti dell’organo esecutivo dell’Onu devono trasmettere alla Svizzera tutti i documenti importanti sulle sue riunioni. "Staremo a vedere, alcuni Stati fanno ostruzione" su alcune indicazioni, ha dichiarato all’agenzia di stampa Keystone-Ats un funzionario delle Nazioni Unite specializzato nel Consiglio di sicurezza.

La Confederazione manterrà il seggio rosso fino al prossimo gennaio, quando prenderà posto per due anni nei seggi blu dove siedono i 15 membri (i cinque permanenti e i 10 non permanenti). Generalmente Berna sarà rappresentata dall’ambasciatrice presso le Nazioni Unite di New York, Pascale Baeriswyl. Anche i consiglieri federali però possono essere presenti, soprattutto quando la Svizzera avrà la presidenza, in maggio 2022 e probabilmente di nuovo nel settembre 2024.

Sarà necessario attendere il prossimo gennaio prima che la bandiera elvetica, assieme a quelle degli altri nuovi paesi membri, venga aggiunta a quelle già presenti nella sala del Consiglio. È prevista una cerimonia in cui gli ambasciatori dei nuovi Stati membri parteciperanno alla deposizione delle bandiere.

Il principale cambiamento durante il periodo transitorio sarà la possibilità per la Svizzera di partecipare alle consultazioni a porte chiuse del Consiglio in qualità di osservatrice. Esse si svolgono in modo discreto e in una piccola stanza adiacente.

La Svizzera dovrebbe sapere entro pochi mesi in quali comitati del Consiglio di sicurezza siederà. Fra questi figura anche il comitato per le sanzioni, la cui presidenza è spesso decisa con un tacito accordo tra i cinque membri permanenti: Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Regno Unito. Con la guerra in Ucraina, ha assunto un’importanza ancora maggiore.

Leggi anche:

‘Svizzera vicina a un capitolo importante della sua storia’

Svizzera al Consiglio di sicurezza? L’Onu vota oggi

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
20 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
22 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
23 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
2 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
2 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved