laRegione
07.06.22 - 21:22
Aggiornamento: 22:26

Violenza carnale: ‘senatori’ per il principio ‘no significa no’

Con 25 voti a 18 il Consiglio degli Stati ha scelto la soluzione che si opponeva a quella del consenso esplicito

Ats, a cura de laRegione
violenza-carnale-senatori-per-il-principio-no-significa-no
Keystone
Karin Keller-Sutter è intervenuta durante il dibattito odierno

Ci vorrà ancora una seduta - prevista per lunedì prossimo - ai "senatori" per terminare l’esame della revisione del diritto penale in materia sessuale. Oggi, tuttavia, dopo un lungo dibattito, il plenum si è già espresso sull’aspetto centrale del dossier: per 25 voti a 18 ha scelto il principio del ‘no significa no’ che si opponeva a quello del consenso esplicito. Con la formula, ‘no significa no’, in futuro sarà possibile punire per violenza carnale anche chi, per commettere il reato, non esercita coazione sulla vittima usando violenza, minacce o pressioni psicologiche. In altre parole, la violenza carnale nel Codice penale comprende ora tutti i casi in cui l’autore del reato agisce ignorando intenzionalmente la volontà espressa dalla vittima (soluzione del veto).

Karin Keller-Sutter: ‘Un passo avanti’

Diversi oratori in aula, in primis la consigliera federale Karin Keller-Sutter, hanno sottolineato il passo avanti fatto con questa revisione che tiene conto dell’evoluzione della società. Tuttavia, l’esito del voto su questo particolare aspetto della revisione non è stato così scontato, visto che anche la soluzione del consenso esplicito ha raccolto consensi da destra a sinistra, con quest’ultima decisamente a favore di un passo ulteriore verso una maggior protezione delle vittime di violenza sessuale.

‘Sì significa sì’

La formulazione del ‘sì significa sì’ è stata difesa in particolare da Lisa Mazzone (Verdi/Ge) - all’origine di una proposta di minoranza in tal senso - e Céline Vara (Verdi/Vd), secondo le quali la soluzione del veto non terrebbe conto di quel particolare stato in cui può trovarsi una donna in frangenti delicati in compagnia di una persona dell’altro sesso, ossia pietrificata a causa della paura che le impedisce di parlare, incapace insomma di opporsi a un atto sessuale non voluto.

Marina Carobbio: ‘Troppe donne preferiscono non denunciare per paura’

Per Marina Carobbio Guscetti (Ps), inserire il consenso esplicito nel Codice penale significherebbe contribuire a cambiare la cultura sessuale del nostro Paese, rispondendo anche alle attese della popolazione, dando nel contempo alle vittime mezzi efficaci per difendersi da atti sessuali indesiderati. Attualmente, secondo la ‘senatrice’ ticinese, troppe donne preferiscono non denunciare per paura, vergogna, ma anche a causa di una legislazione inefficace che le colpevolizza. Ora abbiamo l’occasione per rimediare, ha spiegato.

‘Il consenso non può essere solo presunto’

Sulla stessa linea di Carobbio Guscetti si è espressa Isabelle Chassot (Centro/Fr), secondo cui il modello del consenso esplicito proteggerebbe meglio le donne. Per la consigliera agli Stati friburghese è importante dare un segnale chiaro alla società facendo capire che il consenso non può essere solo presunto. Chassot ha tuttavia ammesso che la differenza dei due modelli, nella pratica, non è poi così grande e che la soluzione del consenso esplicito non risolverà tutti i problemi.

Un ‘no’ è meno interpretabile

Dal canto suo, la ministra di giustizia e polizia ha sostenuto in aula la bontà della formula ‘no significa no’, precisando che un ‘no’ esplicito o un gesto di rifiuto difficilmente lasciano un grande margine all’interpretazione di un giudice, mentre non è detto che un ‘sì’ rispecchi veramente la volontà della donna. Keller-Sutter ha citato l’esempio di una donna che, dopo aver acconsentito ad un atto sessuale, ci ripensa. Insomma, con un ‘no’ sarebbe più facile stando alla consigliera federale che venga provata l’esistenza di un rapporto non consensuale.

Gli altri aspetti della revisione

Stando al progetto di legge, la definizione di violenza carnale è modificata introducendo il concetto più generico di "penetrazione corporale" che tiene conto anche delle vittime di sesso maschile. Per quanto riguarda le pene minime, la maggioranza ha deciso di mantenerla a un anno per la violenza carnale (art. 190 cpv. 2 P-CP). I ‘senatori’ hanno poi approvato una pena detentiva minima di un anno se la vittima ha meno di dodici anni.

Gli altri aspetti della revisione sui quali si discuterà lunedì prossimo riguardano l’introduzione di un articolo specifico per gli atti sessuali commessi da persone che esercitano un’attività nel settore sanitario (art. 193a P-CP). Questo prevede una pena detentiva fino a cinque anni o una pena pecuniaria per chiunque fa subire un atto sessuale adducendo un’indicazione medica. Viene proposta pure una nuova fattispecie di reato per punire la ‘pornovendetta’, vale a dire la diffusione di foto o video fatti di comune accordo durante una relazione. La commissione preparatoria ha però rinunciato alla disposizione sul ‘grooming’, contenuta nel progetto preliminare, perché non crede opportuno estendere la punibilità agli atti preparatori. Per ‘grooming’ si intende l’adescamento in rete di minorenni.

Nell’ambito della pornografia, la commissione propone inoltre due adeguamenti, per evitare che i minori si rendano punibili penalmente senza esserne coscienti. Il primo riguarda una modifica della definizione di pornografia dura, il secondo i minori che, di comune accordo, fabbricano, possiedono o consumano immagini o film che li raffigurano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
friburgo
6 ore
Tribunale cantonale assolve in appello 27 attivisti per clima
Avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday.
Svizzera
13 ore
Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca
Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
18 ore
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
19 ore
Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla
Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
20 ore
Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini
L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
1 gior
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 gior
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
1 gior
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
1 gior
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
© Regiopress, All rights reserved