laRegione
02.06.22 - 12:36
Aggiornamento: 18:36

Statuto S revocabile a chi torna in Ucraina per oltre 15 giorni

Il termine vale per ogni trimestre. Escluso chi torna in patria per preparare il rientro definitivo o per cause di forza maggiore

statuto-s-revocabile-a-chi-torna-in-ucraina-per-oltre-15-giorni
Keystone

I rifugiati ucraini che torneranno in patria per più di 15 giorni a trimestre potranno vedersi revocato lo statuto di protezione S. Lo ha deciso, al termine della consultazione con Cantoni e Città, la Segreteria di Stato della migrazione (Sem). Dal provvedimento sono invece escluse le persone in grado di dimostrare che il soggiorno era volto a preparare il rientro definitivo nel Paese d’origine.

Viene esentato anche chi è costretto a una permanenza più lunga in Ucraina da cause di forza maggiore, come ad esempio la visita a un parente stretto gravemente malato, indica la Sem in una nota odierna. Il regolamento sui viaggi nel Paese d’origine è stato adottato in occasione dell’ottava seduta dello Stato maggiore speciale Asilo (Sonas), viene precisato.

La revoca dello statuto S può avvenire anche nel caso in cui i profughi soggiornino per più di due mesi in uno Stato terzo e la Sem presuma che essi abbiano trasferito il centro dei loro interessi in quella nazione.

Con il consenso del Sonas, la Sem ha inoltre stabilito che le coppie binazionali non hanno diritto allo statuto di protezione S in Svizzera se una delle due persone è in possesso della cittadinanza di uno Stato Ue/Aels, della Gran Bretagna, del Canada, degli Usa, della Nuova Zelanda o dell’Australia. Neppure chi ha già ottenuto lo statuto di protezione in un altro Paese Schengen può riceverlo nella Confederazione.

Su richiesta dei Cantoni, si aggiunge nel comunicato, i profughi provenienti dall’Ucraina che entrano per la prima volta in un centro federale d’asilo (Cfa) in linea di massima vi resteranno, da subito, sette giorni più a lungo rispetto alla prassi attuale. Finora nella maggior parte dei casi veniva loro assegnato un alloggio in un cantone in tempi più rapidi.

Coloro che hanno un alloggio privato fisso e che vengono attribuiti al cantone corrispondente dalla Sem potranno continuare a restare in tale abitazione. Le persone particolarmente vulnerabili possono rimanere in un centro federale finché non è stata trovata una sistemazione adatta e non è stata organizzata un’assistenza adeguata alle loro esigenze.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 ore
Il centro di cybersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps
Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
11 ore
Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe
Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
11 ore
Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli
Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
13 ore
Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto
Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
Svizzera
14 ore
L’imposizione individuale è stata messa in consultazione
Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
15 ore
Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera
Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
Svizzera
17 ore
Un seggio in governo spinge più persone alle urne? Non in Ticino
Uno studio smentisce la relazione fra rappresentanza in Consiglio federale di un cantone e aumento di interesse per la politica fra la popolazione
Svizzera
19 ore
‘Qui a Palazzo le persone mi conoscono, ed è questo che conta’
È stato definito ‘principe del lobbismo’, ‘petro-lobbista’, ‘cacciatore di mandati’. Albert Rösti spiega perché non fa nulla di strano, o di male
Svizzera
1 gior
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
1 gior
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
© Regiopress, All rights reserved